COLIN LINDEN ‘Blow’ cover albumChiunque voglia trovare un talento veterano delle radici, spesso trascurato, come primo contratto con la propria nuova etichetta non potrebbe fare una scelta migliore di Colin Linden.

Anche se il cantante/cantautore/produttore di Nashville ha pubblicato 13 precedenti album da solista, è apparso in più di 500 come sideman e ne ha prodotti altri 140, è ancora un po’ un segreto ben custodito. Si spera che questo cambi con l’interessamento di Lucinda Williams, che lo ha scelto per l’atto di debutto sulla sua nuova label, Highway 20. Chitarrista, cantautore e produttore discografico canadese, Linden ha lavorato con Bob Dylan, Bruce Cockburn, Lucinda Williams, T-Bone Burnett, Emmylou Harris, Greg Allman, John Prine, Leon Redbone, Rita Chiarelli, Chris Thomas King.

La musica solista di Linden (è stato per un breve periodo un membro della Band post-Robbie Robertson) tende all’americana radicata, ma qui lo troviamo ad abbracciare con tutto il cuore il blues. È la musica che ha amato da quando ha incontrato Howlin’ Wolf (Colin aveva 11 anni) e quello stile paludoso ha informato gran parte del materiale del nostro nel corso dei decenni. La band è composta da Colin alla voce, chitarra, slide guitar e dai collaboratori di lunga data Gary Craig alla batteria e John Dymond al basso. Il trio viene da Toronto e si definiscono i Rotting Matadors. Sei dei brani musicali erano originariamente strumentali composti per essere inclusi nello show televisivo della ABC “Nashville” fino a quando Linden decise che meritavano di essere esplorati come canzoni con testi originali.

I groove di queste tracce sono semplici, puri, emotivi e disadorni. Potete immaginare i musicisti che li tagliano in una calda serata del Mississippi, le lucciole che sbattevano le palpebre, seduti su casse al chiaro di luna e bevendo birra fresca. John Lee Hooker, Bo Diddley e Howlin’ Wolf infestano le canzoni come fantasmi in agguato e la strumentazione agile si sposta tra il circuito chitlin’ e il primo blues elettrico di Chicago. “Blow” è pieno di suoni che hanno preceduto i musicisti blues e i loro produttori hanno avanzato la ‘tecnologia’ di registrazione. Non troverete un pedale wah su queste tracce, figuriamoci un sintetizzatore. C’è molta fiducia nel fornire queste canzoni senza sovraincisioni non necessarie o chitarre doppie, con voci di sottofondo di riserva e senza effetti da studio. È musicalmente rinfrescante e mantiene l’attenzione dell’ascoltatore sul groove e sui testi.

Nell’apertura “4 Cars” e, specialmente, in “Right Shoe Wrong Foot”, canalizza i ritmi ‘chukka-chukka’ di Bo Diddley, attaccandoli con la sua voce cupa e la sua chitarra dura, ma flessibile. Si sposta nel territorio degli ZZ Top sui martellanti nove minuti di “Houston”, che controlla il nome di Lightnin’ Hopkins. Questo e il lento blues di “Change Don’t Come Without Pain” gli permettono di aprirsi alla sei corde, assolo con la forte raffinatezza e l’intensità di Stevie Ray Vaughan.

Linden poi si appoggia al gospel in “When I Get to Galilee”, influenzato dalla Band, dove la sua voce emotiva è stranamente simile a quella di Richard Manuel del gruppo. Come detto sopra sei di queste tracce sono emerse da strumentali commissionati per un progetto televisivo che cercava un’atmosfera Texas-Louisiana. Colin le ha recentemente trasformate in canzoni complete durante il lockdown. La ballata di chiusura di nove minuti “Honey on My Tongue” potrebbe essere caduta sul pavimento della sala di registrazione dalle sessioni di “Exile on Main Street” dei Rolling Stones. È un bellissimo rock mid-tempo con chitarra slide e armonica in tandem, che porta una sensazione inquietante nel momento più commovente del disco.

L’album è stato prodotto e mixato da Colin Linden al Blackbird Studio e alla Pinhead Recorders di Nashville. Se vi piacciono il blues sincero, analogico, autentico e il boogie che calpesta i piedi, questo disco vi piacerà – molto!!!