COBY SEY – ‘Conduit’ cover albumCoby Sey trascende completamente tutto ciò che ci aspettavamo – e questo era già molto – nel suo album di debutto mutaforma; una frattalizzazione a più livelli di trip-hop di livello complicato, elettronica blitz, post grime, poesia surrealista e sporca techno da seminterrato. Siamo rovinati da questo, uno dei ‘braindump’ più avvincenti e soddisfacenti che abbiamo sentito quest’anno.

Il trip-hop ha preso in giro un revival a tutti gli effetti da anni ormai, con passi realizzati da artisti come Space Afrika, Dis Fig e Dawuna che giustapponevano l’estetica affumicata degli anni ’90 con un malessere contemporaneo e drogato. Coby Sey ha pattinato in questi paesaggi per anni a questo punto, collaborando con amici in bilico simili quali Curl Tirzah, Dean Blunt, Lol K e Mica Levi e sviluppando una visione artistica lentamente, di proposito. Questo è probabilmente il motivo per cui “Conduit” suona così completamente sviluppato: è raro che un esordio arrivi con questo livello di stratificazione complessa, ed è questo che lo rende così speciale.

‘Segnare il passato’, Sey ripete nei secondi di apertura di “Etym”. Per lui, il disco è un modo per continuare un lignaggio musicale – e lo fa senza ripetizioni: “Conduit” non suona esattamente come un album trip-hop, ma sembra un successore spirituale ed estetico del sottovalutato capolavoro di Tricky del 1996,”Pre-Millennium Tension”. Quando quell’Lp fu pubblicato, era una rappresentazione grottesca e asfissiante di un’era confusa, mentre il neoliberismo soffocava l’attivismo e il mondo precipitava verso il collasso economico. E di fronte alla musica pop che ha definito quell’anno – “Spice” delle Spice Girls e “(What’s The Story) Morning Glory” degli Oasis – era uno specchio incrinato tenuto in piedi dal volto culturale del proto-TERF del Regno Unito.

“Conduit” arriva in un momento ancora più pericoloso della storia britannica e incanala l’atmosfera soffocante di isolamento, depressione e shock futuro dell’isola. Come Tricky prima di lui, Coby intreccia queste emozioni attraverso un arazzo sbalorditivo di marcatori estetici contemporanei: sintetizzatori dissonanti, elettronica di potenza distrutta e poetica depressa e surrealista. Questi suoni si inseriscono in un continuum fiducioso del proprio passato, consapevole del proprio impatto sul presente e incerto su come i nuovi sviluppi possano contribuire a plasmare ciò che deve ancora venire. Da questo punto di vista, sembra quasi fiducioso.

“Permeated Secrets” filtra una linea di basso boom-bap sotto la voce agghiacciante del nostro: ‘Non mi interessa se ti piace il mio lavoro’, afferma dopo una strofa densa che lega il letargo alla privazione dei diritti politici. Ritmi tranquilli interrompono il flusso, mentre i bagliori del dub fantascientifico aggiungono lucentezza al mix. Quando il trip-hop morì di morte naturale alla fine degli anni ’90, era stato depurato dal presunto progresso sociale e trasformato in una musica educata da ascensore per accompagnare le pubblicità di auto di lusso. La rabbia e l’espressione sicura di sé della musica di artisti vitali come Tricky e Leila erano state assorbite in un blob culturale basato sulla tecnologia che non vedeva alcuna differenza tra Moby e Massive Attack.

Al contrario, Coby arricchisce la propria musica con elementi che lo rendono difficile da interpretare erroneamente. “Night Ride” suona come se emergesse dal nulla, uno slugger industriale brizzolato che taglia enunciati vocali senza parole in minacciosi boom tecnologici da seminterrato. “Response” presenta i contributi dei fiati di Ben Vince e CJ Calderwood e del chitarrista Biu Rainey, trascina i loop jazz di Space Echo in un vuoto a spirale di archi ritmici, cinematografici e trilli di flauto dolce medievale prima di lanciarsi nel proprio prolisso atto finale.

Quando arriviamo al finale, “Eve (Anwummerɛ)” è un momento di respiro tanto necessario, che ci permette di riflettere e assorbire mentre Sey suona in loop riverberando un piano elettrico sotto registrazioni sul campo e frammenti strappati e corali. È la conclusione perfetta per un lavoro che probabilmente sveleremo per il resto dell’anno: Coby Sey ci ha dato un’affermazione artistica robusta, illusoria, letteraria, complessa, a volte assurda e alla fine enormemente gratificante. Se il trip-hop continuerà ad evolversi da questo punto, potrebbe aver bisogno di un nuovo nome!!!