BLACK MIDI – ‘Hellfire’ cover albumSe non si è registrato nel 2019 con l’uscita del loro debutto, “Schlagenheim”, allora ormai dovrebbe essere chiaro come l’acqua di fonte: i Black Midi sono una band prog. I talenti del gruppo sono sempre stati troppo orientati verso il virtuosismo per il noise rock, le loro aperture troppo grandiose per il post-punk: qualunque somiglianza avessero una volta con le superstar odierne delle isole britanniche è stata abbandonata a favore di opere rock e saghe epiche. “Cavalcade”, dell’anno scorso, ha mostrato la profondità e l’ampiezza della loro capacità di creare narrazioni intricate e complessi motivi musicali all’interno della musica rock melodica, occasionalmente con sorprese pop e momenti di intensità bruciante e incandescente. Tutto ciò rimane al proprio posto nel terzo disco, “Hellfire”, che vede la luce solo un anno dopo.

Lo descrivono come un film d’azione controparte del dramma di “Cavalcade”, e non c’è ambiguità sul fatto che l’azione sia la forza trainante dell’LP: la severa marcia militare dell’apertura e la narrazione a fuoco rapido di “Geordie Greep” sembrano far cadere l’ascoltatore nel mezzo dell’inferno del titolo, tempi in chiave ‘re cremisi’ che segnano una breve, ma caotica, ouverture nella sanguinosa dichiarazione di apertura di “Sugar/Tzu”: ‘Vediamo qualche tuono!’ E poi inizia a diventare davvero interessante.

Un insieme agitato ed ermetico di canzoni in 38 minuti appena, il rilascio è una testimonianza dell’economia dei Black Midi, la formazione ha raccolto più idee in poco più di mezz’ora di quanto la maggior parte delle band potrebbe esplorare durante le carriere. Arrivano velocemente e con una ferocia implacabile, le abilità strumentali del trio di Croydon non suonano mai meno che sovrumane, anche nei momenti più tranquilli o quando le trame si infilano in ogni opera rock in miniatura, come il pugile che estrae una pistola in un incontro per il titolo (“Sugar/Tzu”) o il malvagio Capitano che raccoglie l’acido dello stomaco umano per produrre una sorta di vino disgustoso (“Eat Men Eat”), sono abbastanza stravaganti da mettere in ombra le imprese musicali dei nostri. Eppure l’istinto musicale di Black Midi è sempre troppo musicalmente pazzo per lasciare che una cosa del genere accada, sia che stiano offrendo una litania degli orrori della guerra nel funk del mondo sotterraneo di “Welcome to Hell”, calpestando un feroce flamenco in “Eat Men Eat” o scendendo nel caos massimalista di “The Race Is About to Begin”.

C’è un momento che si distingue come uno dei più belli. Una sorprendente influenza country si manifesta in “Still”, con i suoi riff scelti con le dita e l’uso generoso della slide, mentre il suono di chitarra meravigliosamente sinistro e pulito di “Dangerous Liaisons” offre una porta per le strade della città noir striate dalla pioggia e una sorta di contorto romanticismo della malavita. E con i tocchi luminosi della sezione fiati di “The Defence”, danno persino una pugnalata al cinema, la loro propensione per la grandezza rispolverata con un tocco di glamour che si adatta inaspettatamente al loro approccio tutto in una volta.

È probabile che l’impressione persistente di “Hellfire” sia quella che denota il suo stesso titolo: depravazione, dissolutezza, avidità, gola e sporcizia. È un insieme di contraddizioni a volte inestricabili, una cacofonia gloriosa e intricata, un documento di straordinaria bellezza che spesso richiede il caos e la dissonanza per rivelarsi alla fine. Sembra, anche più del suo predecessore, come il lavoro più impegnativo di sempre!!!