BEAR’S DEN – ‘Blue Hours’ cover albumMi piacciono davvero i Bear’s Den e non riesco mai a capire perché non sono enormi. Certo, sono abbastanza grandi, come nel senso di locali di dimensioni decenti, in città di dimensioni medie, ma sempre a un passo dallo sfondare completamente. Non sono sicuro di cosa li trattenga: sono le innegabili influenze folk che pervadono il loro lavoro, è il banjo che è un ingrediente occasionale essenziale, o sono le trombe? OK, quindi forse non hanno i connotati giusti da classifica, ma l’abilità che possiedono di tessere questi toni a volte disparati in un meticoloso intreccio di canzoni sensibili, sottoposte a un peso musicale, che è idiosincratico e delizioso, con quattro album in un senso di sviluppo. Questo è il numero cinque e sarà quello della svolta?

La band è composta nominalmente solo da due ragazzi, Andrew Davie e Kevin Jones, entrambi corpulenti ed entrambi barbuti, uno che canta e strimpella, l’altro un tocco su qualsiasi strumento tu possa nominare, ma, sia dal vivo che su disco, sono aumentati da un crack team di musicisti, la maggior parte associati da tempo in giro e intorno alla band, propagandando il suddetto banjo e trombe, oltre a tastiere, chitarre, basso e batteria. I punti di riferimento sono difficili, con, forse, la Manchester Orchestra a condividere le maggiori affinità, anch’essa abile fornitrice di brani alla ricerca di serie preoccupazioni, cantati con anima e desiderio. “Blue Hours” è sia il nome dell’LP che un hotel marocchino in cui la formazione ha soggiornato, oltre ad essere il loro contesto concettuale per lo spazio mentale immaginario in cui può aver luogo l’autoriflessione. E lo fa, dando un assaggio dei soggetti lirici qui esplorati.

È la title track che apre il procedimento, e già qualcosa è un po’ diverso. È una drum machine che scalfisce l’insistente linea di basso fondamentale che guida il ritmo. Ma, mentre le chitarre entrano in gioco, insieme alla familiarità della voce sempre scozzese di Davie, è inconfondibilmente la Den. Appare il corale di tromba, a metà canto, un senso di continuità e di rassicurazione. Non jazz, non mariachi, questa è tromba come in Vaughan-Williams.

Segue “Frightened Whispers”, e ancora una volta il nuovo giocattolo è impiegato nelle percussioni, con un sintetizzatore arpeggiante che gorgoglia pattern modulari in primo piano, un’altra nuova aggiunta alla loro tavolozza, i suoni in sequenza bilanciati dai loro ritornelli vocali onnipresenti ansiosi di essere spaventati e cadere a pezzi, un’assicurazione che questa è la stessa band. Una traccia potente, è un classico del loro stile di canzoniere, anche nei nuovi luccicanti vestiti elettronici. “All That You Are” è una delle canzoni top che fanno così bene. Una leggera melodia, il peso deriva dal testo, l’arrangiamento consente anche alla melodia, così com’è, di espandersi, le corde di Frith di nuovo prominenti. “Spiders”, uno dei pezzi che ha avuto una notevole costruzione pre-release, è un’altra opportunità per mostrare i loro nuovi vestiti, una voce tipicamente ansiosa alleata a un ritmo sismico, motorio, in gran parte elettronico.

“Selective Memories” è un vero highlight, sempre con una miscela organico/elettronico, un brano sulla madre di Davie e lo sviluppo della sua demenza. Sopporta ripetuti ascolti, la tromba, o il suo synth, che risuona lugubre, è commovente e meraviglioso. I luccichii del suono si incontrano con la chitarra twangy per “On Your Side”, una delle composizioni che posso immaginare di adattarsi allo spettacolo dal vivo. Lo svolazzo finale arriva con “All The Wrong Places”, una drum machine in sordina e la voce di Davie quasi da solo, il sintetizzatore che ondeggia sonoramente a metà distanza, davanti a una lenta costruzione di accordi di piano e archi.

La prima volta che ho ascoltato “Blue Hours”, l’ho sentito un passo falso, ci sono voluti uno, due o tre ascolti prima che il contenuto filtrasse e rivelasse la qualità incipiente, e mostrasse che questa era una progressione piuttosto che qualsiasi altro pretesto!!!