BARTEES STRANGE – ‘Farm To Table’ cover albumBartees Strange è stato ovunque. Dal suo album di debutto, “Live Forever” del 2020, ha prodotto dischi per Harmony Woods e Oceanator, ha dato alle stampe una versione deluxe dell’esordio con bonus track e interpretazioni rielaborate di vecchie canzoni, ha interpretato “Kyoto” della compagna di tour Phoebe Bridgers per un EP remix, ha lavorato con il leggendario produttore Will Yip, Kississippi, Armand Hammer ed Eric Slick del Dr. Dog, ed è andato in tour con uno stuolo di musicisti indie. Dopo un tale diluvio di produzione creativa, penseresti che Bartees perderebbe inevitabilmente forza. “Farm to Table”, il nuovo rilascio e il primo per l’etichetta indipendente 4AD, dimostra che le ipotesi non sono scorciatoie che vale la pena prendere.

Come dimostrano le sue varie collaborazioni, al nostro non piace stare in un posto troppo a lungo. Questo atteggiamento si manifesta anche in musica. “Live Forever” comprendeva l’hip-hop artistico (“Kelly Rowland”), il folk influenzato da “For Emma Forever Ago” (“Fallen for You”) e un brano dance originariamente destinato al produttore house Yaeji (“Flagey God”). ‘Non me ne frega un cazzo, rapperò la prima strofa e canterò la successiva come Kings of Leon’, ha recentemente detto a Pitchfork. Il disco tra le nostre mani continua questa tendenza, mostrando la malleabilità concettuale e intrinseca del genere e come gli artisti possano piegarlo a loro piacimento. Piuttosto che contorcersi per adattarsi a scatole convenzionali di genere, Bartees modella uno stile che corrisponda alla sua visione; è semplicemente uno strumento per la sua espressione idiosincratica, non un prodotto finale in sé e per sé.

Inizialmente un EP, “Farm to Table”, si è rapidamente trasformato in un vero e proprio LP ed è un’altra vetrina per l’eccellenza versatile di Bartees Leon Cox jr.

La seconda traccia, “Mulholland Dr”, è un punto culminante immediato. Evoca i Local Natives dell’era “Gorilla Manor” con i suoi rapidi clic sul bordo e le linee di chitarra agili e melodiche. Alla fine, si trasforma in una strofa composta da voci in stile Prismizer che ricordano un “22, A Million” più radicato.

“Wretched”, un vivace taglio dance synth-pop, è come un sequel di “Flagey God”, che ripropone uno degli hook vocali di quest’ultimo per trasformarlo in un luccicante ritornello da club. “We Were Only Close for Like Two Weeks” è un breve ma divertente intervallo che fonde le astrazioni cariche di THC del primo album dei Big Red Machine con le cadenze glitch di “Mossblerd” di Leon Cox.

“Cosigns”, uno dei singoli dell’album, rende omaggio agli ex compagni di tournée Bridgers, Lucy Dacus e Courtney Barnett, così come ad altri sostenitori come Justin Vernon e il fondatore del Beggars Group Martin Mills, suonando come una interpretazione indie-rock di “Super Smash Bros”.

La traccia più toccante di “Farm to Table”, tuttavia, è lo svenimento “Hold the Line”. Oltre alla chitarra slide e alla scarsa strumentazione, Bartees entra in empatia con la figlia di George Floyd, Gianna. ‘Ancora una volta, hai preso qualcosa di mio / Stai cercando qualcosa di più della mia vita / Cosa è successo all’uomo, con quel grande sorriso da vecchio / Ora sta chiamando sua madre’, canta, la sua voce tremante e instabile. “Hold the Line” è uno dei tanti momenti teneri che compongono la raccolta. Le ultime due tracce, “Black Gold” e “Hennessy”, la completano e mostrano la straordinaria abilità vocale del nostro. Sebbene “Live Forever” abbia la sua parte di brani più silenziosi, “Farm to Table” fa un ulteriore passo avanti consentendo alla voce di Leon Cox di essere al centro della scena più spesso. “Hennessy”, con armonie ricche e sovrapposte, è una delle sue migliori canzoni fino ad oggi, e chiude il disco magnificamente, come l’equivalente sonoro di un tramonto.

In realtà siamo all’alba di una carriera che è appena sbocciata!!!