ANDY BELL – ‘Flicker’ cover albumLa prima cosa che si nota del nuovo album solista di Andy Bell è la sua dimensione; 18 canzoni che coprono 76 minuti! In genere, il mondo pop / rock è ossessionato dall’idea di ridurre le loro uscite per un atteggiamento ‘all-killer-no-filler’, ma “Flicker” abbraccia l’estetica “White Album” dandoti il ​​massimo per la tua spesa. La seconda cosa evidente è che lo stile musicale non è poi così sorprendente, almeno al primo ascolto. “Flicker” è il suono di un musicista conosciuto principalmente nei circoli shoegaze / britpop che ha deciso di realizzare un album da cantautore. La sottile miscela di questi approcci non coglierà nessuno alla sprovvista.

Ciò che spicca davvero è come il disco riesca a fondere il fresco con il familiare, la nostalgia con il futuro. Non è stato un caso. Bell dice che alcune delle idee dell’album risalgono agli anni ’90 e che qualsiasi rielaborazione dei testi che ha avuto luogo è stato lo ‘scambio di idee con il [suo] io più giovane’. Quindi, se senti l’ansia del 21° secolo impostata su sfumature di vecchia data, c’è da aspettarselo. Tuttavia, non devi essere sintonizzato su queste combinazioni per goderti “Flicker”. Se vuoi digerire queste 18 composizioni al valore nominale, non ti perderai sicuramente nulla.

Due di queste tracce sono sperimentazioni piuttosto che brani. Ricordi quei pezzi al contrario che gli Stone Roses pubblicavano, come “Guernica”, “Full Fathom Five” e “Don’t Stop?” Bene, Andy lo fa due volte sull’LP. Il primo, “The Sky Without You”, inizia il lavoro e l’altro, “The Looking Glass”, inizia la seconda metà. E proprio come gli Stone Roses, suonano ancora come canzoni pop luminose e solari quando proposte al contrario, solo con molti echi vocali.

Quindi, a parte una canzone al contrario che dà inizio all’album, da dove iniziamo? Il singolo “Something Like Love” è un buon posto. Non ci sono batterie, ma un sacco di strimpellii di sei corde puliti, impostazioni della tastiera morbida e armonie vocali perfette che fungono da colonna sonora di Bell per la terapia. ‘Non dovresti mai desiderare il tuo tempo lontano’, avverte, un’eco del suo precedente promemoria che ‘la vita è troppo breve, quindi non sprecare il tuo tempo’ dal linguaggio uniforme del drone di “It Gets Easier”.

Trovare brani eccitanti è facile perché il disco ne è pieno. Se vuoi uno strumentale nello stile di un moderato stomp di Lee Mavers, hai “Gyre and Gimble”. Hai bisogno di uno strumentale con un ritmo strascicato e un sassofono melodico? Per questo, hai “When the Lights Go Down”. “Jenny Holzer B. Goode” graffia il prurito della camera da letto, mentre “World of Echo” lo apre per il club. Se ti mancano davvero i contributi di Bell a Hurricane # 1 o Oasis, il funk noise intriso di chitarra di “Riverside” ti soddisferà. Oppure, se vuoi semplicemente goderti il ​​rumore, prova “No Getting Out Alive”.

“Flicker” è anche l’occasione per il nostro di mostrare il suo lato acustico. Piuttosto che suonare come gli avanzi di Ride che ora vengono eseguiti con la chitarra acustica, “We All Fall Down” e “Holiday in the Sun” (non una cover dei Sex Pistols) suonano come se fossero stati scritti in quel modo dall’inizio. Come la voce senza pretese di Bell, tutte quelle parti di chitarra delicatamente pizzicate e strimpellate alimentano il fascino materico dell’album.

Ci sono 18 canzoni qui; ci vorrà un po’ per assorbirle tutte allo stesso modo. Quando “Flicker” raggiungerà la piena fioritura, potrebbero capire che a volte più significa solo più cose buone. C’è forza nei numeri e l’ascesa di Andy Bell alla sfida del doppio album è forte come qualsiasi cosa che porti il ​​nome Ride!!!