AFGHAN WHIGS – ‘How Do You Burn?’ cover albumEdonismo e romanticismo guidano ancora il rock’n’roll di Greg Dulli nel nono album della sua band principale.

I traumi relazionali sono sempre ribolliti appena sotto la superficie dei Whig, in particolare nell’autopsia di “Gentlemen” del 1993 su una relazione. Qualunque sia lo scheletro della vita reale di “How Do you Burn?”, mostra principalmente amore per la forma rocciosa stessa e per la vita che tradizionalmente offriva. I fantasmi degli anni Novanta, quando fiorirono i Whigs e il rock americano definì l’ultima volta un’era, perseguitavano questo disco. Così anche gli anni Settanta, quando gli Stones lasciarono indizi su un’esistenza apparentemente squallida e splendida attraverso dischi di implicita dissolutezza, enciclopedica americana e finezza pop.

L’opener “I’ll Make You See God” estrae i Deep Purple per il suo battito fuzz, la spinta violenta e l’ultima sciata danzante della chitarra attraverso i bastioni. “The Getaway” combina la chitarra country steel e il vortice lisergico di “Dear Prudence” dei Beatles (o di Siouxsie), quest’ultima influenza che riaffiora in “Take Me There” con il suo inizio simile ad un sitar, scricchiolanti tamburi revolver e malinconiche seghe da violino, mentre il titolo accenna al romanzo di Jim Thompson e al film di Peckinpah sugli amanti dei rapinatori di banche condannati. ‘Aspettando la notte mentre io distruggo il giorno’, canta Dulli, cercando di arrivare al suo tesoro ‘su dietro la curva’. ‘Non lasciare che i tuoi soldi, tesoro, ti rubino’, consiglia poi su “Catch A Colt”, dove le chitarre gemelle si intrecciano attraverso lo spettro stereo e stridono come se fossero strozzate.

“Jyja” inizia nella palude, dove il cinguettio degli insetti delle chitarre si lega in modo malsano attorno alle tastiere inquietanti. Il testo mostra che le pause sono interrotte, consentendo ‘qualunque cosa ti porti durante la notte’, perché ‘Conosco il comportamento scorretto e so cosa mi piace/Sto provando mentre rivelo il mio appetito surrettizio… cerca il femminile, lei è la medicina, mi piace sapere dove sto andando’. Un impulso staccato della tastiera manda in frantumi ogni calma, le alte armonie di Van Hunt e il colpo di catena delle chitarre si uniscono in un’estasi finale. Questo è un uomo che cerca di superare sé stesso, le sue preoccupazioni ei suoi limiti, portando con sé amanti e fratelli.

La sensuale, wurlitzer e ballata slide con grazia di chitarra, “Please, Baby, Please” arriva in un territorio simile da una diversa angolazione sonora, cercando di sgusciare ‘illusione autodidatta’ e riecheggiando “Fool to Cry” degli Stones nel falsetto bordo al suo coro implorante. Un’altra ballata acustica, “Concealer”, è stata creata per il Midwest, il cuore della terra natale di Dulli, e mostra il gergo hip e il sentimento musicale in cui si occupa: ‘Ti porterò in un viaggio misterioso, mi precipiterò verso l’angolo e scivolerò di lato / Ancient era la luce come una canzone sullo stereo’.

Il finale di “In Flames” vede una nota acuta di violino trattenuta come un sottile urlo prima che i nostri esplodano in spavalderia, il cantante ‘cerca di divertirsi’ – ma ‘nemmeno io posso comprare un amico’. L’ululato di ghiaia di Greg cerca di aprire la traccia, anche se ‘respira cenere in così tanti modi’, finché un assolo denso e redentore di chitarra lo incontra in un finale maestoso.

Quello che a prima vista sembra un suono sofisticato e familiare, un residuo maturo del disordinato periodo del grunge, mantiene i suoi segreti un sottile strato verso il basso, invitando un secondo passaggio con il volume alto, mentre Greg Dulli e la sua band cercano la vita più grande e audace di questa musica!!!