WILL BUTLER- “Generations” cover album“Generations” è il secondo lavoro solista di Will Butler degli Arcade Fire, seguito di “Policy” e del live album “Friday Night” di due anni fa. Will è un artista e un uomo molto impegnato, sempre diviso tra i tour e il lavoro in studio con il proprio gruppo, gli studi in Politiche Pubbliche ad Harvard e i suoi tre figli da crescere. Ma ha trovato il tempo di comporre e registrare 11 favolose nuove tracce in quello stile che tutti i fan degli Arcade Fire e di Will hanno imparato ad amare negli ultimi anni. ”Surrender” è un brano mascherato da canzone d’amore, ma è più un inno sull’amicizia. Parla della confusione che arriva quando le persone cambiano le proprie idee e sentimenti e le relazioni finiscono. Il nuovo disco è stato registrato da Butler nel basement della sua casa di Brooklyn, finito poco prima dell’inizio del lockdown. Metà del lavoro è stato mixato a Montreal dall’ingegnere del suono e amico degli Arcade Fire Mark Lawson, l’altra metà del celebre produttore di Brooklyn Shiftee.

Con il suo primo album solista il membro della formazione canadese ha risvegliato parte dell’elettricità e del caos che caratterizzavano la sua amata band nei loro primi giorni. La crudezza e la spontaneità che gli Arcade Fire hanno perso con i dischi successivi preparati in modo più ordinato sono emersi in alcune delle canzoni soliste di Butler , mentre altre sono state rese in modo morbido. Cinque anni più tardi, il secondo album solista trova il nostro ad offrire un altro set di canzoni appassionate, ricche di arrangiamenti complessi, ma sobri. Tracce come “Close My Eyes” si presentano come semplici brani rock melodici, con grandi ritornelli sostenuti da enfatici cori. La sensazione stordita e sciolta della canzone gli conferisce una sensibilità radio FM quasi classica, ma un ascolto più attento rivela linee di synth sepolte e cambiamenti di produzione che non vengono percepiti immediatamente.

Il sottile uso dei sintetizzatori da parte di Will si manifesta in tutto l’album, dando a pezzi come “I Don’t Know What I Don’t Know” una corrente sotterranea di trame aliene che contrastano gli elementi rock più adatti ad essere suonati in grandi arene. Anche il giocoso ritmo country di “Surrender” si trasforma dai suoi prevedibili inizi in qualcosa di più nervoso e tagliente come strati di sovraccarico, suoni sfocati vengono aggiunti al mix e la voce in falsetto del cantante si fa più selvaggia.

Attraverso le dieci tracce di “Generations” , Butler si estende in un rock scintillante con influenze disco (“Hard Times”), in vivaci abbozzi indie (“Bethlehem”) e delicate ballate per pianoforte molto cantautorali (la conclusiva “Fine”), approcciandosi in modo diverso a seconda dei brani. Riesce ad esplorare diversi comparti della propria ispirazione musicale senza perdere i fili che legano tutto insieme.

L’album è un’opera d’arte che respira (spesso ansimante), con Butler che compone il dramma, l’eccitazione e il flusso di ogni canzone con precisione controllata!!!