WAGON CHRIST: “Recepticon” cover albumRivedere l’incomparabile Luke Vibert è un onore assoluto e sono stato un suo seguace attraverso i suoi diversi pseudonimi. Detto questo, anche “Recepticon” è stato una gioia da ascoltare ed è il primo album dei Wagon Christ in quasi un decennio.

Il quarto album di Luke Vibert del 2020 è un ritorno al suo pseudonimo più longevo, Wagon Christ, che ha usato l’ultima volta nella versione 2011 di Ninja Tune “Toomorrow”. Indipendentemente dal nome che sta usando, “Recepticon” ha tutti i tratti distintivi di un disco di Vibert, in particolare uno del 21 ° secolo: ritmi costruiti in modo intelligente che sono facili da rilassare o ballare e un sacco di campioni intelligenti. Il suo campionamento è diventato più nitido e denso nel corso degli anni; uno dei suoi trucchi preferiti è quello di assemblare diverse voci che dicono una parola o una frase simile e rattopparle tutte insieme a un ritmo, come nell’allegro apriscatole “Hello”, una traccia spensierata che ha i soliti campioni stravaganti e le pause che ti aspetti da Luke.

Entra in “Boogie Serious”, un pezzo spettrale e groove completo di campioni familiari sparsi qua e là e perfettamente posizionati. Indossa le cuffie per la prossima traccia “Hazlehertz”, non per le imprecazioni ma per i bassi molto bassi che questa composizione emette. “Alright” deve essere uno dei momenti salienti perché ha uno dei miei campioni preferiti da “Radio Babylon” dei Meat Beat Manifesto – il brano quasi gli rende omaggio ed è piuttosto divertente. “UR Here” è un po’ un lento grooving jam mentre “Never Odd Or Even” è un’altra fantastica traccia funky-downtempo. “Bleep Me Out” è la star dello spettacolo con campioni a bizzeffe e pure piuttosto familiari, attenzione ad ascoltarlo in casa perché sareste portati ad alzare i volumi e i vicini comincerebbero ad imprecare a causa dei bassi pompati.

“Innosynth” ribatte con un’introduzione Kraftwerkiana e gli scarabocchi del sintetizzatore portano tutto fino in fondo con un sacco di percussioni ritmiche. “Lunderneath” è una beatitudine frenetica, carica di campioni e piena di funk a cui siamo tutti abituati da Wagon Christ – e il basso è, ancora una volta, implacabile. Si può affermare che ci sia una tendenza a sfruttare troppi campionamenti, ma, in realtà, è solo una sensazione perché questi sono già così radicati nel tessuto della cultura della musica dance.

Tra i punti salienti, “Special Designer Song” è costruito intorno a pezzi dall’introduzione a “Escape from Noise” di Negativland; “Same Ol’, Same Ol’ Recording” destreggia Ken Nordine e William S. Burroughs su un classico trip-hop in stile Ninja Tune; e “Recepticon” è un giocoso miscuglio di fantascienza e cultura giamaicana, con Lee “Scratch” Perry che spunta accanto al dialogo dei film di robot vintage.

Tutto sommato questo album è un gradito promemoria che Luke Vibert non ha perso quello strano senso dell’umorismo personale che rende la sua musica così piacevole da ascoltare. “Recepticon” penetrerà facilmente con l’ascolto ripetuto, assolutamente da non perdere!!!