VV.AA. – ‘Bills & Aches & Blues: 4AD 40th Anniversary Compilation’ cover albumQuando si tratta di credibilità indipendente solo sul nome, ci sono poche etichette che possono reggere il confronto con 4AD. Per quattro decenni, l’istituzione britannica ha fatto da casa ad alcuni degli outsider più amati che vogliono la libertà di fare il proprio suono. Fin dall’inizio, l’avventura di Ivo Watts-Russell e Peter Kent si è ritagliata una nicchia, creando un regno oscuro e spesso sognante, arricchito dalle sublimi copertine del designer interno, Vaughan Oliver. Artisti del calibro di The Birthday Party, Bauhaus e Dead Can Dance hanno contribuito a gettare le basi per la notte, seguiti rapidamente da Cocteau Twins e This Mortal Coil, che hanno regalato al mondo gli inizi del dream-pop.

Negli anni successivi, hanno pubblicato alcuni dei migliori lavori di Grimes, Pixies e Deerhunter, continuando a sostenere i nuovi talenti odierni più interessanti. Dopo 40 anni, la 4AD avrebbe potuto facilmente diventare un’etichetta legacy, una che ha un vantaggio e una serietà per dare alle sottoculture del giorno una piattaforma e una voce – ma fortunatamente per noi, sono ancora importanti. La domanda è, però, come celebrare un tale anniversario? Le compilation dei più grandi successi sono piuttosto ridondanti nell’era dello streaming, il catalogo dell’etichetta è così amato e vario che sarebbe impossibile assemblare un mix di tracce che farebbe piacere a qualsiasi fan. Saggiamente i poteri forti hanno deciso di lasciare che gli artisti attuali interpretino alcune delle loro tracce preferite dagli archivi della 4AD; imprudentemente, non sembrano averlo curato troppo bene.

Nei suoi 18 numeri, “Bills & Aches & Blues” vede artisti diversi come Jenny Hval, Efterklang e Dry Cleaning affrontare inni e tagli profondi di Piano Magic, Lush, Bon Iver e altri. 18 canzoni, a dire il vero, non sono molto spazio per celebrare quattro decenni di lavoro pionieristico, ancora meno quando ad alcuni artisti vengono date doppie dosi di amorevole presenza. Pixies e Grimes sono coverizzati ciascuno due volte e The Breeders tre volte con vari gradi di successo. Tune-Yards offre una versione gloriosamente frenetica di “Cannonball’s”, mentre la cover noise-rock da incubo di Bradford Cox di “Mountain Battles” del 2008 non è molto divertente per nessuno. La cosa più sconcertante è la resa di “Gigantic” di Bing & Ruth, una traccia che ho ascoltato parecchie volte e in cui devo ancora trovare un brandello di DNA condiviso con l’originale dei Pixies.

C’è ancora oro da estrarre qui; per esempio, la cover di SOHN di “Song To The Siren” di Tim Buckley / This Mortal Coil è una cosa meravigliosa, mantenendo saggiamente la produzione al minimo mentre la sua voce si alza. “Postal” di Efterklang è una scintillante lezione di malinconia, mentre Ex: Re spinge al massimo le tristezze per “Misery Is A Butterfly” di Blonde Redhead. Becky and The Birds scelgono una versione fedele e maestosa di “Wolves (Act I and II)” di Bon Iver, mentre Big Thief continua a non sbagliare con una pugnalata leggera a “Off You” delle The Breeders per finire il set. Degna di nota è la mancanza di Cocteau Twins, soprattutto perché il titolo dell’album stesso è tratto da un testo di “Cherry-Colored Funk”, ma comprensibilmente cerca di gestire – o decifrare – la voce di Elizabeth Fraser potrebbe rivelarsi un compito arduo.

Tutto sommato, questa sembra un’occasione sprecata, una che ricorda i CD di cover che trovereste sbattuti sulla copertina di una rivista: alcuni buoni, molti passabili, alcuni discutibili, per non dire altro. C’è molto qui da scegliere e godere, e questo è tutto ciò che conta, ma dopo tutte le gemme che l’etichetta ci ha dato nel corso degli anni, 4AD meritava qualcosa di meglio!!!