V/A: “La Locura de Machuca 1975 – 1980” cover album“La Locura de Machuca” è la storia della bizzarra odissea di un uomo nell’underground musicale costiero della Colombia e dei suoni selvaggi e ipnotici che ha contribuito a portare in superficie. Una notte del 1975, un avvocato fiscale di successo di nome Rafael Machuca rimase a bocca aperta nella ‘Plaza de los Musicos’ di Barranquilla. Durante la notte è passato da una posizione di alto rango nell’agenzia delle entrate colombiana a guru della produzione e visionario della neonata etichetta discografica che portava il suo nome, Discos Machuca, e per i successivi sei anni ha dedicato la sua vita a pubblicare alcuni dei più strani e sperimentali dischi di Afro Psychedelia Cumbia e Champeta di sempre.

L’industria musicale colombiana era fiorente a metà degli anni Settanta, ma mentre i brani di bolero e vallenato andavano a gonfie vele nelle classifiche nazionali, erano i dischi africani importati a dare fuoco alle folle dei picos – i sound system che alimentavano le feste di quartiere – e ovunque fossero riprodotti c’era sempre una manciata di gruppi disposti a fondere la Cumbia tradizionale con le correnti elettriche provenienti dall’altra parte dell’Atlantico. In questa magistrale pubblicazione di Analog Africa riscoprirete tutta la magia di quel momento straordinario, e ancora scoprirete la capacità della label di far luce su musica eccezionale, raramente ascoltata prima in occidente. Da dieci anni, il fondatore dell’etichetta Samy Ben Redjeb ci ha regalato una serie di groove sconvolgenti.

Qualche secondo di ascolto dell’opener “Eberebijara” di Samba Negra dovrebbe essere sufficiente per dire che si è pronti per una corsa sfrenata. Costruito sulle ipnotiche ripetizioni di uno shakere su un’abbagliante zuppa di percussioni manuali, semplici riff d’organo e chitarra appuntita, il brano ti prende virtualmente per le spalle e ti scuote in un mondo di colori arcobaleno e linee ondeggianti e groovy.

Da lì in poi in questa compilation non molla mai. “Monkey’s Dance” di King Somalie, alimentato da un ritmo Casio, suona, per tutto il mondo, come una meravigliosa canzone per bambini di Sesame Street, lavata e sciacquata in una psichedelia di primo livello. Alcuni brani di chitarra belli e fluidi si intrecciano intorno a testi semplicistici in grado di fondere il cervello, mentre rilassano la tua anima. “Rio Latino” di Ayu è un vivace afro-beat con tamburi strascicati, bassi danzanti, tastiere e voci accattivanti, sposato con effetti stereo e chitarra wah-wah. Nel corso della storia, l’impollinazione culturale incrociata ha prodotto alcune delle musiche più interessanti e durature. Indipendentemente dal fatto che siano causate da cambiamenti nella socio-economia, politica, migrazione o eventi più oscuri, i riverberi degli incontri di diversi gruppi e idee quasi sempre producono affermazioni musicali affascinanti. Il fenomeno della psichedelia, iniziato negli Stati Uniti, ha trovato un portavoce musicale nella figura di Roky Erickson e dei suoi The 13th Floor Elevators (tra molti altri) ed è stato reso popolare dai Beatles, potrebbe essere stato un fuoco ardente relativamente breve in Occidente, ma, come mostrato qui, i suoi echi si sono fatti sentire in tutto il mondo.

Rafael Machuca aveva chiaramente un orecchio per il meglio. Ogni traccia qui è affascinante. “Juipiti” di El Grupo Folclorico salta e vortica luminoso e melodico, come il volo ingannevolmente semplice di una farfalla. È una delizia poli-ritmica, che svolazza con grazia attraverso una calda brezza di chitarre scintillanti e ammiccanti. Un altro dei contributi di quel gruppo, “El Tornillito”, porta un mash-up accattivante di tastiere da cocktail-lounge e ritmi caraibici. “Caracol” del Grupo Bola Roja è caratterizzato da una brillante voce femminile solista, che si libra e piomba sopra una foschia di percussioni ribollenti.

Nel suo insieme, “La Locura De Machuca” rappresenta un’altra sorprendente voce nel catalogo di Analog Africa. Se non sei un fan della psichedelia, o hai più familiarità con la parte più semplice del beat afro, potresti trovare le delizie distintive mostrate qui un po’ travolgenti all’inizio. Fortunatamente, questo è un disco che si presta ad ascolti ripetuti. In nessun modo questa è musica usa e getta. Le dichiarazioni artistiche rese qui sono gioiose, allettanti e un vantaggio per l’anima!!!