THELONIOUS MONK- “Palo Alto” cover albumNell’autunno del 1968 si compiva il sogno jazz del sedicenne Danny Scher. Aveva invitato Thelonious Monk e il suo stellare quartetto ad esibirsi presso la sua scuola superiore a Palo Alto, in California. Tra complicazioni, annullamenti, giravolte e inciampi organizzativi, che si sommavano alle tensioni razziali e politiche, il concerto alla fine ebbe luogo, e fu registrato dal custode della scuola, per venir pubblicato dopo 52 anni. Con l’avvicinarsi del giorno del concerto, il custode, un appassionato di audio, si offre di accordare il piano in cambio della registrazione dello show, un accordo che viene rapidamente accettato. Nel pomeriggio del 27 ottobre, il quartetto fornisce la sua unica esibizione nel liceo. In seguito, il custode (il suo nome apparentemente perso nella storia, sebbene i ricercatori stiano senza dubbio ancora lavorando su questo, consegna un nastro al giovane promotore. Viene archiviato per lungo tempo. Quando il proprietario lo riscopre, contatta il figlio di Monk, TS, che – prima solleticato dalla storia, poi impressionato dalla qualità della registrazione – ne sancisce l’uscita.

“Palo Alto”, pubblicato su etichetta Impulse! e in versione digitale da Legacy Records, contiene una ‘performance tra le migliori registrazioni dal vivo di Thelonious che io abbia mai sentito’, dice T.S. Monk, batterista figlio del maestro pianista-compositore e fondatore del Thelonious Monk Institute. ‘Non avevo neanche idea che mio padre si fosse esibito in una scuola, ma lui e il suo quartetto lo hanno fatto. Quando ho ascoltato il nastro la prima volta, fin da subito ho capito che mio padre quel giorno era in gran forma’.

Ogni lode va a quell’anonimo custode. La qualità del suono di “Palo Alto” potrebbe non essere assolutamente ottimale, ma la sua chiarezza è sbalorditiva. Puoi sentire tutto, dagli scricchiolii della panca del pianoforte al fruscio silenzioso e regolare dell’hi-hat di Ben Riley in “Ruby, My Dear”, ed è anche in stereo. Non ci sono grandi sorprese qui in termini di materiale: quattro evergreens di Monk (“Well, You Needn’t,”, “Blue Monk” e “Epistrophy” oltre a “Ruby”) e assoli sublimi attraverso “Don’t Blame Me “e” I Love You (Sweetheart of All My Dreams) “. Anche così, questa è una delle migliori registrazioni live del pianista disponibili, forse anche la migliore, e sicuramente la più riuscita di questa band. Il che ci porta a un punto chiave: Monk è noto per le sue composizioni, il suo stile pianistico e le sue personali idiosincrasie. Non è tanto conosciuto come bandleader. Ma “Palo Alto” dovrebbe aggiungere ulteriore credito a coloro che credono che il suo quartetto del 1964-’68 non fosse solo un grande veicolo per i suoi brani, ma una band superlativa a sé stante. Riley, il bassista Larry Gales e il sassofonista Charlie Rouse hanno capito veramente la musica del nostro, e Monk stesso, a livello emotivo di base in modi che pochi altri hanno fatto – sì, più di Trane, più di Sonny, più di Blakey – e questo è chiaro in ogni nota che suonano qui.

E così il 27 ottobre 1968, Thelonious Monk e il suo quartetto discesero dall’auto di famiglia degli Scher, attraversando sotto una pioggia scrosciante il parcheggio gremito dagli attoniti abitanti di Palo Alto e East Palo Alto, per raggiungere l’auditorium della Palo Alto High School e travolgere tutti con uno set di 47 minuti muscolare e straordinario, pronto ad entrare nella storia!!!