STEVE COLEMAN AND FIVE ELEMENTS – ‘Live at the Village Vanguard vol. II’ cover album“Live at the Village Vanguard, Volume II” vede il sassofonista contralto Steve Coleman che torna in quel leggendario locale di New York con la sua band di punta, Five Elements, in due set che catturano appieno l’esperienza live incendiaria del gruppo. Il volume I di questa serie (Pi 2018) è stato descritto da Rolling Stone come ‘Assolutamente esilarante… È come guardare gli Harlem Globetrotters mentre fanno la loro magia da capogiro sul campo’. Semmai, il volume II, registrato un anno dopo, a maggio 2018, amplifica ulteriormente il livello di energia. A sostituire il chitarrista Miles Okazaki nella band c’è il magistrale rapper freestyle Kokayi, che porta un’estetica revival a ruota libera, ritmicamente acuta, quasi a tenda. Spinto da Coleman a esibirsi nel modo più spontaneo possibile, il risultato è un’improvvisazione frenetica che è costantemente in bilico, ma in qualche modo conserva ancora forma e struttura, un effetto possibile solo a causa del livello di comunicazione quasi telepatico che l’ensemble – il leader, il trombettista Jonathan Finlayson, il bassista Anthony Tidd e il batterista Sean Rickman – si sono affinati attraverso centinaia di set suonati insieme nel corso dei decenni.

Subito dopo le residenze consecutive di settimane a Detroit e Chicago seguite da un tour europeo, la settimana dei Five Elements al Vanguard trova la coesione del gruppo ai massimi storici. Caratterizzato da ritmi ad incastro caratteristicamente complessi di Coleman, la musica può essere eseguita solo a questo livello quando gli artisti sono completamente in sintonia l’uno con l’altro. Per Finlayson, giocare al Vanguard è sempre un’esperienza speciale. Kokayi, che ha suonato per la prima volta con Steve nel 1994, si inserisce perfettamente nel gruppo. Di solito, quando l’hip hop viene utilizzato in un contesto jazz, la band crea un groove confortevole su cui il rapper può galleggiare. Questo è lontano dal caso qui: Kokayi è completamente integrato nell’ensemble, improvvisando come un vero terzo fiato mentre raccoglie tutti i segnali nascosti che prefigurano un imminente cambio di direzione e si diverte nell’interazione ritmicamente complessa del gruppo. È quasi sicuramente anche il primo rapper ad apparire sul palco nella storia dei Village Vanguard.

I set presentano una combinazione di elementi base dei live set di Five Elements (“Little Girl I’ll Miss You”, “Pad Thai” e “9 to 5”) e nuovi lavori che riflettono la recente pratica compositiva di Coleman per cui le melodie e le forme derivano spontaneamente, mentre visualizza vari movimenti e forme, che vengono poi orchestrati per il gruppo.

Come nel volume I, la maggior parte delle nuove composizioni sono ispirate alle forme e al simbolismo del Mdw Ntr, una traslitterazione del sistema di scrittura kemetico, spesso indicato come geroglifico. Il virtuosismo della band è sbalorditivo: le solide fondamenta di Tidd e l’attacco in continua evoluzione di Rickman fanno avanzare la musica con un ritmo irresistibile. Coleman e Finlayson intrecciano un percorso tortuoso, a volte in complesso unisono, ma più spesso in contrappunto l’uno con l’altro. Il loro dialogo in corso è inquietante: sono come i moderni Bird and Miles, il che è appropriato poiché questa è, nel suo nucleo, una musica che è, tanto quanto qualsiasi altra, profondamente radicata nel linguaggio musicale di Parker, anche se della varietà più futuristica. L’intera impresa ha la sensazione di un tornado, con una misteriosa energia cinetica che la fa vorticare. Un disco che farà la felicità di Lorraine Gordon – la proprietaria di lunga data del locale – purtroppo scomparsa poche settimane dopo l’esibizione dei nostri all’età di 95 anni. Non avrebbe potuto chiedere di più!!!