SQUID: “Bright Green Field” cover albumArrivano finalmente al debutto, dopo una gavetta intensa fatta di singoli, EP e concerti, gli Squid da Brighton/Londra. Il loro suono è l’ibrido che è legittimo attendersi da una band giovane, ma dai riferimenti ben chiari: Neu!, This Heat, Slint, Talking Heads per un gruppo dall’hype elevatissimo!

Gli Squid si muovono contemporaneamente dentro e fuori la rinascita dei gruppi londinesi post-elettronici, che riscoprono il piacere collaborativo della sala prove, degli strumenti e del concetto stesso di ‘band’: se Black Midi e Black Country New Road sembrano costituire una mini-scena a sé, gli Squid hanno svolto un percorso parallelo, disseminato di singoli e brani estemporanei, che ha creato la loro fanbase non solo ampia ma estremamente agguerrita. In Italia sono eccellenti i primi riscontri nei confronti di “Bright Green Field”, grazie a un sound decisamente affine al nostro ‘orecchio’, ma anche a chicche come il video di “Narrator”.

Quando furono costretti a lasciare il loro circuito di concerti a causa della pandemia, furono anche rimossi da quelle situazioni che permettevano loro di migliorare come entità musicale: bar e locali in giro per l’Inghilterra dove provavano nuovi brani, sperimentavano sul palco e valutavano la reazione del loro pubblico. Con l’inizio dei blocchi globali del 2020, sono andati sottoterra – letteralmente – nello studio nel seminterrato del produttore di Speedy Wunderground, Dan Carey, e hanno deciso di registrare il loro album di debutto, “Bright Green Field”. L’ambiziosa uscita sperimentale dei cinque ragazzi britannici, che ha sfruttato il lato più brillante della sensibilità pop post-punk, rappresenta un cambiamento non solo nel processo del gruppo, ma anche all’interno del genere.

È facile fare un paragone con i contemporanei degli Squid sul loro lavoro completo; il disco trova la band che collabora con Carey, la cui influenza su “Bright Green Field” si riflette nei lavori degli altri collaboratori del buzz-rock inglese del produttore, inclusi i Black Midi. Ci sono anche paralleli nel suono dei nostri con artisti del calibro di Parquet Courts, Protomartyr e IDLES, così come con veterani post-punk / new wave come Talking Heads e Joy Division.

Tutti questi gruppi condividono un’agitazione frenetica simile e, spesso, un senso di irrequietezza e dispiacere per la società in generale; ma dove i predecessori degli Squid propendono per solenni tavolozze sonore grigie, la band di Brighton si attacca a toni più luminosi e ottimisti. Non c’è dubbio che la formazione abbia dimostrato opinioni critiche attraverso il lirismo distopico e industriale del batterista / cantante Ollie Judge, ma hanno presentato gran parte della loro politica attraverso riff contagiosi e ballabili e sperimentazione elettronica, abbandonando le formule monotone e binarie del passato.

Lo straordinario “Narrator” di otto minuti, con il richiamo ondeggiante della sirena della cantante ospite, Martha Skye Murphy, è il chiaro vincitore del disco, ma non è un’anomalia. “GSK” è per lo più in linea con le basi dell’album nella pittura di paesaggi sonori industriali. Lo schiaffo di metà disco, “Paddling”, è probabilmente il più puro esempio del lirismo prepotente caratteristico di Judge, mentre la chiusura di “Pamphlets” (uno dei tanti tagli della raccolta che reclamizzano una durata veramente lunga) è una, indubbiamente, ribelle denigrazione dello status quo.

Le loro composizioni tentacolari e tangenziali – radicate in linee di batteria groovy e pulsanti, voci sfacciate ma autorevoli e ottoni risonanti – sono destinate alle feste indie dance della vita notturna post-vaccino del prossimo futuro. E laddove i momenti più irregolari dell’album sono vincolati da una notevole moderazione, facendo spazio alla band per lenire le proprie ansie, forgiano un nuovo percorso per il futuro ottimistico del post-punk.

Un’altra opera sorprendente la cui musica ci colpisce positivamente. Un disco che stazionerà nelle prime posizione nelle playlist di fine anno!!!