SAM GENDEL: “Satin Doll” cover albumL’album di debutto di Sam Gendel su Nonesuch, “Satin Doll”, è un omaggio futuristico al jazz storico. Qui, Gendel, parla con la scrittrice Sophie Harris del disco, una costruzione / decostruzione sonora di famosi standard jazz come “Freddie Freeloader” di Miles Davis, “Goodbye Pork Pie Hat” di Charles Mingus e “Satin Doll” di Duke Ellington. ‘Se tutti i sassofoni del mondo un giorno evaporassero, sarei triste per un momento’, dice Sam, in modo pratico. ‘E poi la vita andrebbe avanti.’ È un pensiero interessante del nostro, il sassofonista di fama mondiale di LA, perché suona vero su due livelli diversi. In primo luogo, il fatto che la sua abilità musicale si estende ben oltre il sassofono. Le sue collaborazioni con artisti diversi come Vampire Weekend, Blake Mills, Ry Cooder, Moses Sumney e Sam Amidon lo attestano; è tanto l’approccio creativo quanto la sua tecnica che sono unici e lo rendono un ricercato cospiratore musicale.

Ma in secondo luogo, Gendel suona ed elabora il suo strumento in modo tale che suoni come se il sax si stesse davvero sciogliendo davanti alle nostre orecchie: allungato come melassa, armonizzato e ultraterreno, o fluttuante via. ‘Il mondo ha bisogno di un altro sax inceppato?’ si domanda, con una risata. ‘No. Non è così!’.

Suona come un uomo che cerca di cancellare il proprio strumento. Il sassofonista californiano ha affinato a lungo improvvisazioni scivolose, piegando il tono delle sue armonie e scivolando sui ritmi. Il suo ultimo LP, “Satin Doll”, è ancora il suo più completo e spinge questa sperimentazione all’estremo sempre più in là, con il sax che suona come cera che si scioglie nelle sue 13 cover di standard jazz.

Decostruisce le note composizioni in un miscuglio stordito di densi paesaggi da sogno di onde sintetiche elettroniche. Con un lirismo idealmente stravagante, il sassofonista e produttore californiano è come un Mac DeMarco jazz con il suono della sbornia mattutina di Oneohtrix Point Never. La reinterpretazione dello standard è stata a lungo una parte fondamentale della sete di reinvenzione del jazz, ma “Satin Doll”, probabilmente, farà contorcere molti puristi. Elaborato e sintetizzato, il sax di Gendel oscilla tra la voce di un vocoder e gli archi elettronici: tenero come una ninna nanna metallica su “Stardust” di Lester Young, poliglottale e corale su “Afro Blue” di Mongo Santamaria e reso immortale da John Coltrane.

Ascoltando il lavoro con attenzione si scopriranno situazioni interessanti come una versione stordita del classico “Satin Doll” di Duke Ellington, Billy Strayhorn e Johnny Mercer del 1953 che brilla come una foschia sonora, i suoi ritmi di bossa frammentati e languidi rallentato al ritmo di un anello di gomma che galleggia in una piscina. Altrove, una versione gioiosa e traballante di “O Ovo” di Hermeto Pascoal, che praticamente arriva a portata d’orecchio; e una versione incredibilmente intima di “Love Theme from Spartacus” di Alex North, con micro-beat e cigolii soffocati che suggeriscono di entrare nei banchi dei ristoranti. La colonna sonora di Gendel si avventura nei regni della stazione radio pop e hip-hop Power 106, con artisti come Migos, Future e Young Thug. ‘Young Thug è un artista visionario, è una specie di suono pittorico astratto’, osserva, come se descrivesse la propria musica.

Sam ha iniziato a suonare il sax a undici anni, quando gli è stata data la scelta di unirsi alla banda della scuola o all’orchestra. È cresciuto nella Central Valley della California, vicino alla catena montuosa della Sierra Nevada e alle meraviglie del Parco Nazionale di Yosemite. Un ragazzo aperto i cui genitori suonavano jazz e dischi di Joni Mitchell in giro per casa, il primo album che ha posseduto era una cassetta della colonna sonora di “Space Jam”, che, dice, si consumava per aver suonato così tanto. Se “Satin Doll” colpisce con una certa immediatezza, non sorprende: l’album è stato inciso in due giorni e mezzo, come un vecchio disco jazz, e ‘tutto ciò che senti sono esibizioni dal vivo di tre persone nella stessa stanza’, dice il californiano. ‘Niente cuffie, niente click track, niente Ableton. Luce rossa accesa, registrazione, silenzio. Vai avanti’.

Il trio di Gendel comprendeva il bassista Gabe Noel e il percussionista elettronico Philippe Melanson, entrambi soci di lunga data del sassofonista, ma che non si erano incontrati fino all’inizio della registrazione: ‘La traccia “Satin Doll” è la prima ripresa della prima cosa che i tre di abbiamo mai suonato insieme’, dice soddisfatto.

Incasellare questa musica è a tuo rischio e pericolo. Potresti ricordare una citazione di Duke Ellington (una a cui Gendel è affezionato): ‘Ci sono semplicemente due tipi di musica, la buona musica e l’altro tipo’!!!