Esordio per il produttore britannico Rian Treanor, che nel 2018 aveva pubblicato un 12” su The Death Of Rave e il “Contraposition EP” sulla rediviva sussidiaria della Warp, Arcola.
Il disco è stato pensato dall’artista «per far muovere la gente in modi imprevedibili» (ciò si collega al significato letterale del termine ataxia, che sta a significare la perdita di controllo sui movimenti del corpo) e si basa su un cut and paste post-rave che mixa industrial, synth-pop, bleep, computer music estrema e speed garage.
Vi si materializzerà un mondo fatto di un’elettronica che da origine ad un individualismo esasperato, attraverso una techno che utilizza frequenze medio alte per dare luogo a groove asciutti e ad ambientazioni post industriali.
La vena sperimentale di Rian è sicuramente interessante, manca però il quid che tenga coeso il suono creato e in alcuni casi le idee espresse sembrano già masticate.
L’esordio era atteso, si parlava di rivelazione dell’anno, il risultato finale lascia solo intravedere il talento del nostro.


Please follow and like us:
Follow by Email
Facebook