PETER GABRIEL- “Rated G”Questo album è uscito poco più di un anno fa, in occasione del RSD, solo in vinile picture, quindi per i pochi fortunati che sono riusciti ad accaparrarselo. Fortunatamente hanno pensato di farne uscire anche una versione in cd ed una in vinile normale in modo che gli appassionati del musicista britannico potessero trovarlo e farlo proprio.

“Rated Pg” è una raccolta di canzoni di Peter Gabriel tratte da vari film ai quali l’artista britannico ha prestato la sua arte. Avendo sempre amato la combinazione tra film e musica, la prima opportunità di Peter Gabriel di far sposare questi due interessi è arrivata quando gli è stato chiesto di fare la colonna sonora per il film “Birdy”, nel 1985. Il film successivo al quale ha lavorato interamente sulla colonna sonora è stato “L’ultima tentazione di Cristo”, diretto da Martin Scorsese – che per quanto concerne la soundtrack divenne l’album “Passion” – e, successivamente, la colonna sonora del film di Philip Noyce “Rabbit-Proof Fence” che, in versione album, diventerà “Long Walk Home”. In questo modo Gabriel ha continuato ad alimentare il suo interesse tra musica e cinema. Questa uscita la potremmo trattare quasi fosse un disco nuovo, dato che la metà dei pezzi contenuti vengono pubblicati per la prima volta su supporto fonografico. L’arco di tempo delle registrazioni inserite nella raccolta è piuttosto ampio in quanto va dal 1984 al 2017. Sono presenti dieci pezzi, di cui uno scritto appositamente per il disco in questione, quattro mai pubblicati e i rimanenti cinque presenti solo nelle colonne sonore originali, quindi non facili da possedere.

Si parte infatti con “That’ll do”, dalla colonna sonora di “Babe 2”, per la quale ricevette anche la candidatura all’Oscar come miglior canzone.si tratta di una ballata pianistica scritta da Randy Newman ed orchestrata da Paddy Molloeney in maniera sontuosa con le cornamuse. Gabriel si limita a cantare donando un pathos notevole alla composizione. Si prosegue con “Down to Earth”, altra canzone composta per una soundtrack, questa volta di “Wall-E”: traccia guidata dal piano elettrico, arrangiata in modo moderno, ma non invadente, che si arricchisce strumentalmente nel refrain con l’ingresso di chitarra elettrica, sezione ritmica e delle voci del Soweto Gospel Choir. La chicca dell’album è rappresentata da “This is party man”   qua riproposta in una versione ‘rinnovata’, cosa che non guasta mai, con l’aggiunta di nuove liriche. È una ballad ricca di sonorità e percussioni, molto nello stile del nostro. Fu scritta nel 1995 assieme a Tori Amos. Quando arriva “Taboo”, che vede in primo piano la vocalità pazzesca di Nusrat Fateh Ali Kahn, la tensione e la forza del brano emerge tutta. Una canzone dai toni scuri, pesanti, perfetti per “Natural Born Killer” di Oliver Stone, ma perfetti anche da soli. Un pezzo che è sempre un piacere ascoltare, proprio per l’atmosfera che sprigiona. Da solo, questo brano può valere l’intero disco. “Everybird” è l’inedito assoluto di cui dicevamo sopra. Ancora una ballata che all’inizio si muove sulle note del piano e sulla voce di Peter per poi intensificarsi grazie all’ingresso di pregevoli armonie vocali.

La conclusione è affidata a “In your eyes”, tratta da “So”, in versione alternativa essendo adattata alla soundtrack di “Say Anything”, anche se fa uno strano effetto. Sembra che si tratti di due versioni della stessa canzone ‘attaccate’ insieme. E nemmeno in modo molto accurato. Ci si deve soffermare anche sull’aspetto grafico, che su vinile risalta maggiormente: da una parte è l’interno di un secchiello di popcorn (di quelli da film americano), che riprende la copertina, dove, centralmente, c’è una sorta di finestra da cui appare la Side A del vinile, che rappresenta la scatola di metallo dove sono custodite le pellicole dei film. Sul retro della cover, il ‘secchiello’ di popcorn è il volto di Peter Gabriel (si si, orecchie comprese), in bianco e rosso, proprio come si vede nei cinema americani. Una veste grafica di vinile e copertina veramente notevoli che ne fanno un oggetto da collezione, indipendentemente da quanto contiene, che, comunque, non è certamente da poco!!!


Please follow and like us: