PART CHIMP - ‘Drool’ cover albumÈ dai primi anni del nuovo secolo che seguo la carriera dei Part Chimp: li ho sempre trovati eccitanti ed estremamente rumorosi. Le leggende del noise rock londinese avevano una reputazione da difendere, quindi non faceva parte di loro l’idea di trasformarsi in un set sottotono. “Drool” è il quinto LP della band e non è qui per scherzare, e, nonostante siano trascorsi due decenni dall’esordio, riescono a mantenere un livello qualitativo di prim’ordine.

“Back From The Dead” dà il tono all’album con un’esplosione di rock cruda e sfrenata. Sì, sono consapevole del mio entusiasmo, ma “Drool” lo richiede grazie ad un sound d’attacco, rigoroso e ricco di tensione. La musica contenuta nell’ultima offerta della formazione è incessantemente e spudoratamente fuori dal comune. Tim Cedar ha descritto il disco come ‘la stupida quantità di divertimento che puoi avere con amplificatori molto rumorosi, accordature non convenzionali, pedali e persone strane’. Come dice lo slogan, è piuttosto allettante. Non è scienza missilistica: i Part Chimp suonano rock rumoroso, catartico e soddisfacentemente rauco.

Una traccia come “One In The Eye” enfatizza i punti di forza del gruppo; Cedar e la sua banda prendono un grosso riff e lo suonano fino a far sanguinare le loro dita. Una festa di fanghi punitiva degna dei sempre potenti Melvins. Il nuovo disco è senza dubbio un lavoro che si tradurrà particolarmente bene se suonato dal vivo; è lì che questa raffica di riff disgustosamente pesanti avrà l’impatto migliore. Basta prendere la brillantezza beffarda della title track ed è un riff infinitamente propulsivo. Chiudete gli occhi e potrete quasi immaginare una stanza piena di appassionati di noise-rock che annuiscono nel tempo. Facce allegre e riconoscenti ricoperte di sudore e bava.

Non c’è una grande varietà da trovare su “Drool”, ma non è necessariamente quello che si va cercando da un nuovo album dei Chimp. Non è che esibiscano qualcosa che non sia stato fatto prima, è solo che sono dannatamente bravi a proporre la loro miscela sonora. Prendi una traccia come “Dirty Bird”: inizia come un art-rock raccapricciante e sommesso prima di esplodere nel muro di rumore tipico dei nostri. Un’interpretazione ridicolmente soddisfacente dell’affidabile dinamica Pixies silenziosa/rumorosa. Senza fronzoli, ma assolutamente elettrizzante; Part Chimp sa esattamente dove vuole andare a parare. Dedicandosi al potere persuasivo di un riff carico di fuzz, la band riempie un bisogno necessario del mio essere ascoltatore di musica.

L’eccitante e potente batteria di Jon Hamilton rimbomba dietro un muro di feedback indisciplinati e riff bollenti. Joe McLaughlin e il nuovo membro Robin Freeman portano il basso, aggiungendo ulteriore profondità al fango sonoro. Le chitarre gemelle di Cedar e Iain Hinchliffe colpiscono come uno tsunami. Un’ondata di bava. Non sembra il lavoro di formazione che registra laboriosamente pezzo dopo pezzo, suona spontaneo e selvaggio. C’è qualcosa di meravigliosamente trasandato in tutta la faccenda. Voci che si sforzano di essere ascoltate sopra il rumore e la sensazione che tutto possa crollare da un momento all’altro.

C’è un cenno ai loro contemporanei con l’apparizione di Tim Farthing di altri noise-rocker londinesi, Hey Colossus. È vero, “Man” è una delle tracce più feroci qui; una fetta irascibile e screziata di sudiciume di prima classe. Entrambi i gruppi sono nati intorno ai primi duemila ed è bello sapere che stanno ancora producendo brani di questo calibro. Il bombardamento di 38 minuti dell’album si conclude con gli strabilianti “Worms”. Una nenia fantasticamente brutta e conflittuale di riff logori e animi logori. Date sfogo alla bestia che è in voi!!!