NILS FRAHM: “Empty” cover albumIn occasione del ‘PIANO DAY’ di quest’anno e come presa di coscienza delle circostanze senza precedenti in cui ci troviamo, Nils Frahm ci sorprende realizzando anche nei formati fisici una collezione di otto pezzi per pianoforte solo, intitolata “Empty”. Concepito poco prima che Nils si rompesse il pollice e componesse l’altrettanto intimo album per pianoforte solo “Screws”, “Empty” è un rilassante contenitore di otto sereni, semplici pezzi originariamente registrati come colonna sonora di un breve film artistico che ha girato con il suo amico e regista Benoît Toulemonde. ‘Quando sono tornato dall’ospedale con il pollice rotto e ho ascoltato le registrazioni, ho sentito come se fossero incompiute. Decisi di metterle da parte e cominciai a lavorare al mio piccolo album, “Screws”. Molte altre note del pianoforte sono state suonate da allora, e, prima di dimenticarcene tutti, ho pensato che sarebbe stato un buon momento per condividere queste ninne nanne con voi. Spero che vi aiutino a rimanere forti e tranquilli in questi giorni di solitudine ‐ nonostante le difficoltà, possiamo scoprire inaspettatamente l’introspezione e la riflessione. Chissà a cosa servono. Con molto amore, Nils’.

Nessuno nel mondo del neoclassicismo difende il pianoforte così appassionatamente come Frahm. Nel 2015 il compositore tedesco ha fondato il ‘Piano Day’ per onorare lo strumento, che si svolge l’88 ° giorno di ogni anno (in riferimento agli 88 tasti di un pianoforte). Era anche la mente dietro il Klavins 450; il pianoforte più alto del mondo a più di 14 piedi, che ha costruito appositamente per registrare il suo album “Solo”.

Scritto poco prima di “Screws” del 2012, il nuovo lavoro richiama un linguaggio stilistico simile, poiché esteticamente queste 8 composizioni sono meravigliosamente tangibili e intime. Parte della vera magia dell’album viene dall’ascoltare il suono dello strumento rispondere sotto le mani di Frahm; minuscoli meccanismi all’interno del pianoforte scivolano dolcemente e riverberano, quasi come se fosse un essere mortale. È anche il lavoro più delicato e modesto del 37enne nella memoria recente, poiché l’elettronica che ha punteggiato l’epica “All Melody” è assente, invece l’attenzione è esclusivamente sul pianoforte.

Alla deriva attraverso le emozioni, dall’apertura e sobria “First Defeat”, al dolcemente euforico “No Step On Wing” e al contemplativo ma speranzoso “Black Notes”, con il suo struggente minuto di silenzio, “Empty” è una partitura confortante per questi tempi turbolenti. Ciò si traduce in una delle esperienze di ascolto più meditative e insulari dell’anno finora, come se fosse pensato solo per essere ascoltato in tempi di solitudine, simile al lavoro di Poppy Ackroyd e Ólafur Arnalds. Ogni traccia ha un tono rilassante e assonnato, dalla silenziosa ninna nanna di “A Shine” al bagliore ambientale di “Sonar”, mentre i tasti ondeggianti di “No Step on Wing” si riversano come una nuvola di pioggia che si apre su una foresta desolata nel cuore della notte.

Sebbene il titolo possa suggerire il contrario, “Empty” è tutt’altro che un affare vuoto; invece è un’esperienza dolce che vuole offrire pace in questi tempi di ansia e incertezza. Mostra Frahm nel suo aspetto più intimo e minimale, e raggiunge ulteriormente il suo obiettivo nel mostrare la potenza risonante del pianoforte!!!