MOE.: “This Is Not We Are/Not Normal” cover albumC’è stato un momento in cui, circa trent’anni fa, il movimento delle jam band era molto importante negli Stati Uniti e si assisteva ad un proliferare di gruppi, come non accadeva da tempo. I Moe. non erano sicuramente i più seguiti, ma avevano una abilità di scrittura che ha permesso loro di continuare fino ad oggi. La capacità di qualsiasi partnership di sopravvivere a trent’anni è un’impresa notevole, come sono sicuro che i nostri lettori sposati sono disposti ad attestare, ma è davvero un risultato raro per i gruppi musicali non solo esistere per oltre tre decenni, ma continuare a farlo, prosperare ed evolversi musicalmente, il tutto mantenendo una legione di devoti seguaci numerati in decine di migliaia. Ciò è particolarmente vero nell’età tecnologicamente avanzata di oggi in cui noi, come ascoltatori e consumatori, siamo costantemente bombardati da clip multimediali ben confezionate degli ultimi e più grandi morsi sonori e performance dal vivo, solo per vederne la grande maggioranza svanire invariabilmente l’etere digitale, da cui non si sentirà più parlare. Tuttavia, l’ultima offerta in studio, “This Is Not, We Are”, di Moe. è un esempio eccezionale della bravura del quintetto con sede a nord-est di rimanere artisticamente rilevante incorporando con successo nuovi stili musicali nei confini familiari del suono improvvisato del gruppo guidato dalla chitarra.

“This Is Not, We Are”, segna la prima registrazione in studio della band dai “No Guts, No Glory” del 2014 e il loro 12° totale. L’album, composto da nove tracce con una durata appena di 40 minuti, non perde tempo a presentare all’ascoltatore il tema generale con le trombe e il vibrafono “LL3”. La melodia contagiosa e la riproduzione impressionante del percussionista Jim Loughlin che sono presenti con gusto in tutta la traccia di apertura apparentemente sono al centro della scena per l’intero album, specialmente su canzoni come la strumentale “Jazz Cigarette” scritta da Loughlin in modo psichedelico.

L’unica canzone d’amore del disco, “Crushing”, un’ode sfacciata del chitarrista Al Schnier a sua moglie, presenta una voce fluida e un lavoro di piano elettrico di Schnier e, mentre è un po’goffamente collocata tra le tracce percussive di cui sopra “LL3” e “Jazz Cigarette”, lo spostamento è abbastanza trascurabile che la triade di apertura del lavoro riesce comunque a mantenere un flusso organico.

La sezione centrale di “This is Not, We Are” inizia con il debutto solitario dell’album, “Undertone”. Questa melodia un po ‘cupa scritta da Chuck Garvey si abbina bene con i testi commoventi che sembrano prendere di mira il selfie di oggi e il mondo ossessionato dai dispositivi. Le due tracce seguenti, “Who You Calling Scared” e “Dangerous Game” richiamano il suono incentrato sulla chitarra, che è diventato un marchio di fabbrica di Moe. così come le leggendarie esibizioni dal vivo con protagonisti brucianti nelle persone dei signori Schnier & Garvey. In particolare durante l’intricata sezione strumentale di “Dangerous Game”. Queste tracce presentano anche alcune momenti in cui l’uso dei fiati si fa complesso, ma accessibile, e conferisce un’aria di pienezza e maturità che può essere raggiunta solo in studio.

L’album si chiude con due pezzi rock più tipicamente funky, “Skitchin Buffalo” e “Along for the Ride”, con il primo che funge da viaggio autobiografico nella memoria pieno di riferimenti a molti dei vecchi luoghi di Buffalo, NY che la band era solita frequentare. durante i loro anni di formazione, mentre la traccia di chiusura del disco presenta un ritmo frenetico ancorato dal duo percussivo di Loughlin e dal batterista Vinny Amico che si contorce su una linea di basso funky che sembra strofinare i gomiti con “Gimme Some Lovin'” dello Spencer Davis Group.

Abbiamo dovuto attendere sei anni per ascoltare un nuovo disco dei Moe., ma ne è valsa sicuramente la pena. Questa raccolta coesa di canzoni ci afferma quanto il gruppo sia in grado di far proprie tutte le istanze musicali che arrivano dal mondo esterno!!!