MILDLIFE- “Automatic” cover album“Automatic” è il secondo album in studio dei Mildlife, uscito il 18 settembre via Heavenly records. Seguito dell’esordio “Phase” (2017), il disco rappresenta una svolta musicale per la band australiana, che non si è fatta problemi per la lunghezza delle tracce e per un suono più dance. Ormai sembra assodato che i Tame Impala di Kevin Parker abbiano stabilito le coordinate del nuovo suono proveniente dal continente ‘down-under’ e anche il quartetto di Melbourne ne fa le spese. Il lavoro è composto da sei pezzi di indie-funk che si legano ad una psichedelia metronomica.

Dopo il successo del loro album di debutto la loro ultima offerta muove la band nella loro evoluzione, in quella che puoi solo immaginare sarà una traiettoria continua e ascendente.

La traccia di apertura, “Rare Air”, ha un’introduzione imponente e spaziosa prima che i sintetizzatori (Kevin McDowell) inizino a costruire gradualmente la canzone, lasciando il posto alla sezione ritmica serrata di Tom Shanahan al basso e Jim Rindfleish, che in realtà ha progettato il loro album di debutto , prima di mettersi alla prova come batterista. Ha un’aria di infinito e un’aspirazione senza fine – “Occhi fissi molto avanti, l’orizzonte non si è mai incontrato …”. Con una lunghezza di quasi sette minuti, non si trascina affatto, poiché si scioglie e trasuda intorno alle orecchie.

“Vapor”, il secondo singolo estratto dall’album, prende il via con una linea di basso impressionante di Shanahan. Le pause di flauto di Adam Halliwell conferiscono alla traccia un aspetto tribale, quasi amazzonico (o forse australiano) in contrasto con la voce robotica di McDowell. Parte del piacere nell’ascolto dei Mildlife è che è difficile inquadrarli, inserirli in un genere ben definito. Ci sono stati paragoni con artisti del calibro di Kraftwerk e Stereolab, tuttavia, gran parte del loro suono può essere inclassificabile, ma tocca anche una diversa varietà di influenze da Miles Davis e John Coltrane ai Pink Floyd e Can. Questo elemento di imprevedibilità si trasferisce a “Downstream”. Alcune delle voci qui hanno echi della Manchester di fine anni ’80 / inizio anni ’90. C’è un’aria di fiducia mentre il ritmo funky prende il via. Quindi rallenta drammaticamente verso la sezione centrale con un effetto di vento ululante, dando una sensazione quasi cinematografica, solo per essere scosso ancora una volta con una squisita chitarra di Halliwell.

Le ‘citazioni’ sognanti e ricercate svaniscono senza soluzione di continuità dalla traccia precedente, girando e girando in alcune direzioni interessanti e inaspettate. “Memory Palace” è giocoso ma innocuo e in qualche modo dimenticabile. I suoi ritmi di synth acid-house vedono l’assenza di qualsiasi voce, con un finale brusco. Il meglio viene riservato per la conclusione grazie alla title track. “Automatic” è una zuppa funky di ritmi sinuosi e pieni di sentimento – “che striscia lentamente, si evolve lentamente …”. La canzone gonfia il petto con tutta l’esuberanza dei Talking Heads al loro meglio. La versione in vinile della canzone presenta un “groove bloccato”, il che significa che si ripeterà all’infinito finché non sollevi la puntina da solo.

Probabilmente si potranno riscontrare differenze tra la resa in studio e quella live. Questo album suona benissimo ascoltandolo nei confini di casa tua, ma i ragazzi di Melbourne lo porteranno ad un altro livello sul palco. Anche se dovremo aspettare ancora qualche mese perché ciò accada, ne varrà la pena!!!


Please follow and like us: