MICHAEL HURLEY – ‘The Time Of The Foxgloves’ cover albumQuando il cantautore Michael Hurley aveva 24 anni, Moe Asch gli diede 100 dollari e gli disse di andare a fare il suo secondo album. Non parlarono mai più. Era il 1965 e Asch era un impresario di 60 anni del folk revival di New York. Come fondatore dell’etichetta Folkways, Moe aveva pubblicato dischi di Pete Seeger e Lead Belly, oltre a raccolte fondamentali di Harry Smith e Alan Lomax. Hurley, tuttavia, era un vagabondo itinerante della sponda rurale della Pennsylvania del fiume Delaware. Aveva appena pubblicato su Folkways la sua prima raccolta casalinga di brani rumorosi su vino, bustine di tè e lupi mannari. L’impresario gli ordinò di prendere i soldi e tagliare il suo seguito negli studi adeguati.

‘Ora quella era una situazione diversa’, ha detto Hurley, 79 anni, in una recente intervista, deridendo il suo telefono cordless mentre si aggirava per la cucina disordinata della sua casa vicino ad Astoria, nell’Oregon. ‘Sono ancora a disagio con la prenotazione di uno studio, l’atmosfera. Se puoi registrare a casa, vivi lì’.

Nato nella contea rurale di Bucks, in Pennsylvania, alla fine del 1941, Michael è cresciuto fino a diventare un appuntamento fisso della scena folk del Greenwich Village di New York negli anni ’60 e ’70. Ha pubblicato il suo primo album nel 1964, lo stesso anno in cui il suo collega Bob Dylan ha pubblicato “The Times They Are a-Changin’”. Cinquantasette anni dopo, sta lanciando un nuovo album tramite la sua pagina Bandcamp pochi giorni prima del suo 80esimo compleanno. Non so se questo renda il nostro un astronauta, ma per gli standard dell’industria musicale ha viaggiato anni luce avanti.

Il nuovo LP, “The Time Of The Foxgloves”, è uscito all’inizio di dicembre tramite la stimata etichetta di Filadelfia, No Quarter. È il primo album in studio in 12 anni e, secondo una biografia di Nathan Salsburg, il suo disco più hi-fi da “Watertower” del 1988. Snock, come ama definirsi Hurley, lo ha registrato insieme a una dozzina di collaboratori in due studi vicino alla sua città natale di adozione, Astoria, in Oregon, lo scorso luglio, quando sbocciano le digitali – il suo periodo preferito dell’anno secondo Salsburg, curatore dell’Alan Lomax Archive e musicista folk sempre più leggendario a sé stante.

Nathan è uno degli innumerevoli artisti folk e rock degni di nota che sono stati ispirati dall’anziano folksinger. Sebbene un culto di devozione abbia più o meno sempre circondato la sua musica eccentrica e maldestra – spronata da critici influenti come Byron Coley e Robert Christgau, che hanno definito la collaborazione di Hurley del 1976 con Holy Modal Rounders, “Have Moicy” ‘il più grande album folk dell’era rock’ – le ondate di apprezzamento dei suoi discepoli lo hanno sostenuto nel 21° secolo. Nei primi anni 2000 Cat Power ha inserito “Sweedeedee” su “The Covers Record” e poi ha registrato la sua “Werewolf” per “You Are Free”. È stato identificato come il padrino della scena ‘freak folk’ della metà degli anni 2000 da musicisti chiave come Devendra Banhart, Vetiver ed Espers. Proprio quest’anno artisti, tra cui Yo La Tengo, Cass McCombs, Steve Gunn e Calexico hanno contribuito a un album tributo chiamato “Snockument”.

Tutto questo non è necessario conoscere per apprezzare la nuova fatica di Snock, tutto quello che dovete fare è prendere una sedia e ascoltare. Nonostante le sue origini hi-fi, l’album è piacevolmente crudo e casalingo; mi fa sentire come se fossi seduto su un portico da qualche parte soffocante con lui, immerso in melodie folk blues stravaganti, sorseggiando qualcosa di dolce. Nei momenti più scarsi, come nella tranquilla e traballante “Love Is The Closest Thing”, queste canzoni trasmettono un’intimità sorprendente. Anche quando vengono caricati con un po’ di accompagnamento – come il jazz live “Se Fue En La Noche” e il duetto di Josephine Foster “Jacob’s Ladder”, entrambi allacciati con clarinetto basso e xilofono di Nate Lumbard – l’atmosfera artigianale rimane. Michael e i suoi amici si fanno strada attraverso ogni traccia come se avessero tutto il tempo del mondo e nessun posto migliore dove essere. È meraviglioso.

L’indole e la storia personale di Hurley emergono subito nell’opener “Are You Here For The Festival”. Il pezzo è un affascinante ritratto di un personaggio, soprattutto grazie ai violini e al banjo che conferiscono un colore aggraziato alla voce burbera del folksinger. Una cover di “Alabama” dei fratelli Louvin è ancora più accattivante, Snock e Betsy Nichols intrecciano le loro voci in meravigliose armonie terrene mentre celebrano la bellezza naturale del sud. La cosa più mozzafiato di tutte potrebbe essere il nostro e Luke Ydstie che suonano serenamente contro il bordone dell’organo a pompa di Ydstie sulla strumentale “Knocko The Monk”.

Dovremmo essere tutti grati che gli siano stati concessi abbastanza giorni per presentarci un altro album bello come questo!!!