LUNAR VACATION – ‘Inside Every Fig Is A Dead Wasp’ cover albumLa band di Atlanta, Georgia, Lunar Vacation, è un gruppo pop da sogno, la cui musica enfatizza la nostalgia e la malinconia, sulla scia di Snail Mail. Il gruppo suona insieme da quando si sono incontrati al programma Arts al liceo. Con due EP pubblicati nel 2017 e nel 2018, la loro ultima avventura, il loro album di debutto, “Inside Every Fig is a Dead Wasp” pubblicato dall’etichetta discografica Keeled Scales di Austin, Texas, mantiene la stessa formula: chitarre da sogno, melodie avventurose e testi tristi/riflessivi, ma beneficiano del trattamento completo del disco completo. La crescita e l’evoluzione del gruppo, sia dal punto di vista sonoro che da quello lirico, è evidente in questo rilascio, e il progetto è pieno di dolce e frizzante bontà indie-pop.

Anche se sembra esserci una sorta di formula nella loro musica, c’è una grande varietà di oscillazioni da una canzone all’altra, e il senso della melodia di Grace è meravigliosamente assortito da una traccia all’altra e la strumentazione è meravigliosa. ‘C’è così tanto che voglio dirti, ma non in questo momento’, canta in “Making Lunch (Not Right Now)” e sembra che in tutto il lavoro stia solo accennando alla profondità dell’esperienza che prova come donna poco più che ventenne. Sono tutte impressioni, ricordi importanti, singole linee di saggezza che darebbe a sé stessa o ai suoi ascoltatori.

All’inizio della storia di Lunar Vacation, la band sembrava propendere per uno stile surf pop semi-aggressivo, con strumentali forti e colorati e un’atmosfera piena di suoni synth e altro ancora. Il gruppo – composto dalla cantante Grace Repasky, dalla chitarrista Maggie Geeslin, dall’intenditore di synth Matteo DeLurgio e da Connor Dowd alla batteria – spera di produrre canzoni più fluide e accomodanti. In passato, sono stati inclini a accordi sovracompensati con molte parti intricate. Ciò ha spesso portato a risultati finali che hanno cercato di fare troppo e hanno messo in ombra il lirismo toccante che era in mostra. Ecco perché era vitale per le canzoni di questo album ‘servire le canzoni stesse e non le nostre parti individuali’, secondo la chitarrista Geeslin.

La raccolta inizia con “Purple Dreams no.4”, un pulitore di tavolozza da qualsiasi altra cosa tu abbia ascoltato, o un palcoscenico per il resto delle canzoni del disco; c’è più di un modo per vederlo. Gli strumentali fluidi del brano si fondono direttamente in “Peddler”, e poi si parte alle corse.

“Mold” è un punto culminante: gli archi di quel pezzo sono così eccitanti. Notevolmente riservati fino all’inizio del ritornello, si scontrano con tutta la loro bontà electro-synth e poi si allontanano di nuovo in sottofondo, quasi con la stessa rapidità con cui sono arrivati. Mentre canta, ‘Non voglio stare senza di te in questa vita, o nella prossima / è troppo tardi per cambiare idea?’ Repasky riflette sulle relazioni passate, ma è ancora fondato sul fatto che la vita deve ancora andare avanti.

“But Maybe” ti farà fluttuare sulle nuvole. La chiusura ti delude così meravigliosamente e dolcemente che il calore delle precedenti 12 tracce indugia ancora intorno a te. Con la musica autodefinita come ‘rock da piscina da sogno’, Lunar Vacation ti farà desiderare di poter trascorrere un po’ più di tempo nel sogno meravigliosamente messo insieme che è questo disco. “Inside Every Fig is a Dead Wasp” ha alzato l’asticella per il collettivo con sede ad Atlanta, ma prima che debbano preoccuparsi di superarlo, possono essere soddisfatti di quello che è un delizioso debutto!!!