LOUDON WAINWRIGHT III: “I’d Rather Lead A Band” cover albumSe esiste una definizione corretta per qualificare Loudon Wainwright è quella di spirito libero, un musicista che non si è mai preoccupato di andare controcorrente. Ha iniziato come folk singer poi è diventato un singer songwriter e, infine, si è cimentato con il rock e il blues.

Loudon Wainwright III ha fatto molto nella sua leggendaria carriera: ha pubblicato oltre 20 album, vinto un Grammy, si è dedicato alla recitazione e ha diretto una illustre famiglia di artisti. Ma nel suo ultimo disco, il cantante e cantautore veterano mette da parte la chitarra e i testi confessionali, indossa uno smoking e ci riporta all’era del jazz, con il suo ultimo album, “I’d Rather Lead a Band”. Nel corso di 14 tracce, Wainwright fa rivivere materiale di artisti del calibro di Irving Berlin, Fats Waller e Frank Loesser, abilmente supportato da Vince Giordano e dai Nighthawks. Ha imparato le melodie per le canzoni a orecchio e il lavoro è stato registrato in 3 giorni agli Electric Lady Studios di New York, nell’agosto dello scorso anno.

Randall Poster, il supervisore musicale di “The Aviator” di Martin Scorsese e della serie vincitrice di un Emmy “Boardwalk Empire”, entrambe caratterizzate dalla musica di Loudon nelle loro colonne sonore, ha avuto l’idea per la raccolta, insieme a Stewart Lerman. Poster voleva accoppiare la voce di Wainwright con la big band di Giordano, che è diventata una parte molto amata della scena dei nightclub di New York City per 30 anni. Con così tanti classici tra cui scegliere nell’American Songbook, Wainwright, Poster e Lerman si scambiarono idee. ‘Abbiamo ascoltato, scambiato mp3, guardato su YouTube vecchi filmati di Bunny Berigan o Louis Armstrong’, dice il nostro. ‘Abbiamo considerato un sacco di materiale e poi l’abbiamo ridotto. È stato divertente intraprendere il viaggio per trovare le canzoni. Alla fine, mi sono incontrato con Vince e il suo meraviglioso pianista Peter Yarin. Abbiamo preso la nostra grande lista, poi ho cantato una canzone, e abbiamo parlato tutti di quale funzionava meglio. È così che siamo arrivati ​​ai quattordici che abbiamo scelto’.

La traccia omonima arriva a poco più della metà dell’album. È presente nel musical di Fred Astaire / Ginger Rogers del 1936, “Follow the Fleet”, ma non è la versione che Wainwright ha cercato di ricreare. Il riferimento è piuttosto alla versione di Bunny Berigan. L’album include anche una versione di “Ain’t Misbehavin'” con la prima strofa aggiunta che non è sempre eseguita. ‘La versione di Fats Waller, immagino che potresti chiamarla la versione definitiva’, dice Loudon. ‘Ma la versione che mi ha mandato Randy Poster era una versione realizzata da un mio contemporaneo, Leon Redbone, che purtroppo non è più con noi. Ne ha dato un’interpretazione con una chitarra e penso che ci potrebbe anche essere un violino. È una canzone così bella, ma abbiamo deciso di provare a farla nostra’.

Concentrandosi sugli anni ’20 e ’30, le canzoni offrono un po’ di tutto, con Giordano e i Nighthawks che fanno oscillare la materia. “How I Love You (I’m Tellin ‘the Birds, Tellin’ the Bees)” ci riporta agli anni Venti, oscillando come una di quelle vecchie registrazioni di Louis Armstrong e gli Hot Seven, mentre Wainwright canta del suo amore e di come lo dichiara a tutti. Non è cambiato molto in quasi cento anni, sebbene la lingua possa essere leggermente diversa in questi giorni. “Ship Without a Sail” di Rodgers and Hart offre a Loudon la possibilità di cantare di un amore non corrisposto, uno dei suoi argomenti preferiti. Invece di cantare troppo, suona le cose direttamente con un effetto squisito. Jimmy Van Heusen e Johnny Mercer hanno scritto “I Thought About You”, ed è stato registrato da Frank Sinatra ed Ella Fitzgerald tra gli altri, il che è una competizione piuttosto dura, eppure Loudon si ingegna ammirevolmente sulla storia di cercare di lasciare qualcuno indietro e finire per pensare a nient’altro. Giordano e i Nighthawks danno alla canzone un’atmosfera da fine anni Quaranta che si adatta al materiale come un guanto. “You Rascal You (I’ll Be Glad When You’re Dead)” sembra una canzone scritta appositamente per lui. Strizza ogni grammo di emozione, mentre un coro greco ripete le frasi chiave. Quando canta: ‘Non serve a niente scappare / ho comprato una mitragliatrice Gatling’, credi che la userà impunemente.

Il fatto che Loudon Wainwright III possa cantare le canzoni di “I’d Rather Lead A Band” con un tale stile non dovrebbe sorprendere. Da anni estrae emozioni (e risate) da questo materiale. Ciò che questa raccolta illustra è la sua capacità di trovare il nucleo emotivo al centro di queste canzoni e consegnarlo con stile e grazia come il vero mascalzone che è!!!