LIVE SKULL: “Dangerous Visions” cover albumSi formarono a New York nel lontano 1982 ed emersero da quella scena della ‘Big Apple’ da cui presero forma pure i Sonic Youth e gli Swans e che si ispirò dai gruppi no-wave e da sperimentatori quali Glenn Branca e Rhys Chatham. Rispetto alle band suddette i nostri, fin da subito, utilizzarono il formato canzone su cui innestare dissonanze e rumore, in altre parole si scorgevano linee classiche e melodiche.

Poco più di un anno fa, piuttosto inaspettatamente, i veterani noise rock di New York Live Skull sono usciti dalla cripta con il loro primo album in 30 anni. “Saturday Night Massacre” ha affinato e ottimizzato un po’ il loro vecchio suono, ma ha ripreso in modo convincente da dove si erano interrotti. “Dangerous Visions” prosegue con una raccolta che colma il divario di tre decenni nella carriera della band, offrendo alcuni nuovi brani e una piccola lezione di storia. Ha canzoni vecchie e nuove per i fan di vecchia data e quelli appena acquisiti. Se amate la musica rock oscura e intensa, esplorativa ma ancora in forma di canzone, probabilmente c’è qualcosa qui da ascoltare con attenzione.

Il secondo lato del disco contiene le registrazioni che hanno fatto dal 1987 all’89. Nel 1990 i Live Skull sono implosi mentre i Sonic Youth firmarono per Geffen e pubblicarono “Goo”, iniziando il loro divertimento, anche se di breve durata e infine condannato a flirtare con il mainstream. I Live Skull non possedevano l’istinto pop sepolto degli Youth, ma il confronto sembra tanto inevitabile quanto in gran parte ingiusto. Tuttavia, il primo brano qui “In a Perfect World” li vede suonare come una piacevole miscela di Sonic Youth e The Cure, la voce e la chitarra di Mark C suonano entrambe chiare e forti, guidando la band con qualcosa che si avvicina alla speranza. La speranza è una specie di nuova idea per il gruppo, la loro idea generale erano visioni distopiche dell’America degli anni ’80 filtrate attraverso i tropi horror e sepolte in strati di chitarra atonale. “In a Perfect World” inizia con il suono delle sirene, si affaccia sul mondo in fiamme e, per una volta, permette di sognarne uno migliore. C’è anche un po’ più di luce e spazio nel suo suono. Questo è vero per tutti i nuovi brani, maggiore chiarezza e separazione tra gli elementi, un po’ meno di quell’oscurità vorticosa. “Dispatches” gioca anche con un ritmo tropicale. Forse questo è solo un anticipo di trent’anni in quello che puoi ottenere registrando con budget limitati. È più evidente in “Day One Of The Experiment”, una registrazione dal vivo che suona sia chiara che fantastica. La seconda melodia sottolinea questa continuazione e raffinatezza del loro suono di base con una nuova versione di “Debbie’s Headache”, una traccia eccezionale dall’album del 1987, “Dusted”. All’inizio tre membri della band si sono alternati alla voce e per lo più li hanno spinti verso il basso nei loro ululanti strati di rumore. Decidendo di concentrarsi sul loro modo di suonare, sono entrati Thalia Zedek alla voce e il batterista Richard Hutchins (insieme a Mark C l’unico membro di lunga data di questa nuova formazione del 2020). Non c’è dubbio per me che i dischi realizzati da quella versione della band siano i migliori della loro discografia. La maggior parte del secondo lato è una John Peel Session che la band ha registrato durante il tour di “Positraction” ed è fantastico. Stretti e feroci dal tour suonano due brani dall’album e due nuove canzoni suggerendo che a questo punto erano ancora una band perfettamente funzionante. “Safe From Me” è in corsa per il mio brano preferito di Live Skull e la versione della session porta un tocco più disperato alle sue sezioni più sognanti e un finale live più selvaggio. Le nuove melodie sono forti se tagliate in modo approssimativo, “Someone Else’s Sweat” sembra molto lo spettacolo di Zedek, un testo e una performance che punta verso le grandi cose che avrebbe eseguito nella sua band successiva, i Come. La sua voce è fantastica durante l’intera sessione. “Adema” fa a pezzi una melodia distruttiva di tamburi martellanti e chitarre impetuose che deve essere stato molto divertente da suonare dal vivo.

È piacevole quando un gruppo ritorna dopo tanto tempo e dimostra di avere ancora in serbo buona musica da proporre. Contro ogni previsione, questa è una collezione sorprendentemente coerente, la strana essenza di Live Skull che tiene insieme il lavoro di diverse formazioni a decenni di distanza. Un regalo per i vecchi fan e forse un’introduzione abbastanza esaustiva per nuovi adepti.