LITTLE FEAT – ‘Electrif lycanthrope: live at Ultra-Sonic Studios 1974’ cover albumI Little Feat sono uno dei miei gruppi preferiti senza alcuna possibilità di replica, e sono stati una delle più grandi band americane degli anni settanta, da accostare ad autentiche istituzioni quali Grateful Dead, Allman Brothers Band e The Band. Qualche settimana fa un cliente mi chiese se avessi potuto procurargli il disco in questione, un bootleg di cui possiedo sia la versione in vinile che quella in cd uscita qualche anno fa. La versione di cui mi parlava il richiedente era, però, una uscita per il ‘Black Friday’ appena trascorso, di cui non ne ero a conoscenza. Dopo alcune ricerche in rete, ho scoperto che questa chicca uscirà nel giugno del prossimo anno, sia in Lp che in Cd grazie alla Warner.

Little Feat non ha mai raggiunto il tipo di successo commerciale atteso dalla travolgente notorietà critica. Formati nel 1969 dagli alunni dei Mothers of Invention Lowell George (chitarra, voce) e Roy Estrada (basso) con l’amico di George, Richie Hayward alla batteria e il pianista Bill Payne, i Little Feat hanno pubblicato una mezza dozzina di album in studio e un live set durante i loro dieci anni di vita. Nonostante lo sviluppo di un brillante mix di rock ‘n’ roll, blues, boogie, R&B, country e funk che oggi sarebbe considerato ‘americana’, la band ha costruito un fedele, anche se piccolo, seguito con le loro rauche esibizioni dal vivo, ma le vendite non furono mai eclatanti. Nessun singolo album dei nostri ha raggiunto le chart fino a “Feats, Don’t Fail Me Now” del 1974 (con un picco al numero 36) e “Waiting For Columbus”, il loro doppio LP live del 1978, si è rivelato l’unico vero successo del gruppo (salendo al numero 18 delle classifiche).

“Electrif Lycanthrope” è stato il primo LP bootleg dei Little Feat che io abbia mai visto, e ne ho subito preso una copia intorno al 1981. La versione originale in vinile, pubblicata dall’etichetta discografica The Amazing Kornyfone alla fine degli anni ’70, conteneva nove brani tratti da una trasmissione radiofonica dal vivo del settembre 1974 su WLIR-FM a New York City, con la band che si esibiva agli Ultrasonic Studios di Hampstead NY, un luogo comune per queste esibizioni live alla radio. “Electrif Lycanthrope” non è stato il primo bootleg di Little Feat uscito per l’etichetta: hanno pubblicato una serie di altri titoli, tra cui “Beak Positive” (un bello spettacolo del 1975) e “Aurora Backseat” (documentando uno spettacolo del 1973) – ma è ampiamente considerato dai seguaci dei Feat come il migliore tra i pochi bootleg della formazione.

La ristampa in CD dell’album (quella di pochi anni fa) include tre “tracce bonus” aggiuntive per un totale di una dozzina di performance roventi, e anche se non posso parlare della legalità di questa particolare pubblicazione, sembra far parte di una serie di registrazioni dal vivo che sgorgano da WLIR-FM e/o da The Ultrasonic Studios. Indipendentemente dalla sua origine, “Electrif Lycanthrope” offre un’esibizione semplicemente affascinante in un ambiente informale e rilassato che ha permesso loro di allungarsi e mostrare la loro straordinaria chimica musicale.

La performance contiene materiale da “Dixie Chicken” del 1973 e da “Feats, Don’t Fail Me Now” dell’anno successivo. Iniziando con il classico “Rock ‘n’ Roll Doctor”, la sezione ritmica del bassista Kenny Gradney e del batterista Richie Hayward stabilisce un groove grasso fin da subito, il forte accento meridionale del frontman Lowell George smentisce il luogo di nascita in California. Il traforo di George qui è sbalorditivo, pieno di consistenza e ottimo tono. “Two Trains” è leggermente più ritmato, con le tastiere funky di Bill Payne che guidano la carica, un ritmo saltellante che balla dietro la voce piena di sentimento del leader. Mentre lo strumento di Lowell è impegnato in sottofondo, infilando un filo sottile sottile tra i ritmi, Payne è al centro della scena con le sue fantasiose e affascinanti sequenze di tastiere. Una cover dell’eccellente “On Your Way Down” di Allen Toussaint, tratta da “Dixie Chicken”, è fornita qui per un minuto in più, in cui i ragazzi mettono in mostra le proprie abilità di strumentisti, a cominciare dall’intro di pianoforte di Bill e dai ritmi sincopati forniti dalla costante sezione ritmica, con tamburi ipnotizzanti. La riverente voce di Lowell mostra, per l’occasione, un aspetto diverso rispetto al talento dell’uomo, il suo traforo ugualmente sfumato fornisce una dimensione aggiuntiva alla traccia classica, mentre la band interviene con i cori. L’assolo mozzafiato in tre minuti sottolinea la finezza della performance del gruppo. Uno dei preferiti dai fan, “Spanish Moon”, mette in mostra sia le voci armoniche della band dietro l’esuberante esibizione di George, ma anche la sensuale sei corde e un forte sfondo ritmico fornito, spesso trascurato, dell’altro chitarrista, Paul Barrere. Le tastiere di Payne sono dominanti, offrendo un bel contrappunto alla chitarra di George.

“Fat Man In The Bathroom” è un altro piacere da divulgare, e qui offre uno sguardo sulle influenze blues e R&B di New Orleans in evoluzione in quel preciso momento storico. Con uno sfondo strumentale cacofonico che incorpora un sacco di funk di Crescent City, la performance offre molti momenti di foot-shufflin’ in mezzo alla sua jam apparentemente a forma libera. La popolarità fornita da “Willin'” potrebbe essere diventata un po’ una catana al collo dell’autore, ma questa lettura gentile e commovente – basata sulla voce stanca di Lowell e sulla chitarra acustica, e sul sottile pianoforte di Bill – dimostra la forza dei suoi testi. Dei tre brani aggiuntivi, inclusi in questa ristampa in CD, da cui prendo spunto per la recensione, “Dixie Chicken” è la migliore, l’arrangiamento sgangherato del brano offre molto spazio per l’agile pianoforte di Payne e le note turbolente di Lowell.

Mi sono dilungato, troppa è la passione che nutro per questi formidabili musicisti. Mi auguro di avervi incuriosito e che possiate attendere la pubblicazione Warner del prossimo giugno!!!