JON HOPKINS – ‘Music For Psychedelic Therapy’ cover albumUn sacco di generi anomali cercano di portare l’ascoltatore altrove – attraverso tamburi, canti, la musica devozionale dell’est e del sud, droni, oscillazioni o elettronica. Talvolta questo stato alterato è aiutato da piante utili; a volte, è l’esperienza più disadorna di grande immobilità alleata al timore reverenziale – che è il luogo in cui il produttore elettronico britannico Jon Hopkins approda al suo sesto album da solista, un balsamo sonoro post-blocco che si affianca utilmente a “How to Change Your Mind: The New Science of Psychedelic” di Michael Pollan (2018).

Oltre alla sua eccellente produzione basata sul ritmo, Hopkins ha precedentemente lavorato con Brian Eno e rilasciato tracce di meditazione generativa. La sua buona fede è difficilmente in discussione. Qui, in “Sit Around the Fire”, pezzo conclusivo, Jon improvvisa al piano, quasi guidato dal compositore elettroacustico Earl Forest e dal guru Ram Dass (scomparso nel 2019), e, se fino ad allora ci sembrava di essere al cospetto di astrazioni intellettuali, ora prende forza una musica impressionistica che giustifica l’idea lenitiva della stessa; gran parte di questa dichiarazione ambientale è stata ispirata da un viaggio in una grotta ecuadoriana. Ma in mezzo a tutta questa bellezza pervasiva (che tende alla bellezza espansiva e al soccorso risonante piuttosto che all’estremità più austera dello spettro ambientale), sembra che solo la traccia apicale di otto minuti, “Deep in the Glowing Heart” riorganizzi le molecole dell’ascoltatore in un modo trasformativo.

Dopo aver pubblicato due album gemelli a distanza di cinque anni, “Immunity” del 2013 e “Singularity” del 2018, è sempre sembrato probabile che Jon avrebbe fatto una drammatica svolta a sinistra quando sarebbe arrivato il momento per lui di fare un altro disco. “Music for Psychedelic Therapy” è stato apparentemente ispirato da un viaggio che ‘cambia la vita’ in Ecuador nel 2018 e se questo suona ormai un cliché rosicchiato, vale almeno la pena valutare dove la divergenza lungo questa particolare strada musicale lasci il buon Hopkins.

Questa è una rottura netta non solo con gli ultimi due lavori, ma con ciò che ci si aspetta da lui come presenza live negli ultimi anni; i battiti sono evidenti per la loro assenza, i ritmi ondulati vengono sostituiti con quelli deliberati e sottilmente mutevoli come la suite di tre pezzi “Tayos Caves” e più a lungo l’LP brucia senza pretese, più ti rendi conto che è serio quando parla di trance come un’influenza – più in termini di definizione ufficiale della parola, piuttosto che di stile musicale.

Ancora, “Music for Psychedelic Therapy” sembra che sarà probabilmente visto come un’indulgenza piuttosto che un pezzo integrale del canone di Jon Hopkins, specialmente una volta che tornerà al circuito live in modo definitivo – forse reinterpreterà queste canzoni per essere più che semplicemente dolcemente inno, o forse passerà direttamente al vero successore di “Singularity”. Ad ogni modo, questo è bello, ma non essenziale!!!