Arriva finalmente il nuovo album del sassofonista Newyorchese James Brandon Lewis. All’abituale e affiatatissimo trio con Luke Stewart (basso) e Warren Trae Crudup III (batteria) Lewis aggiunge due voci che definiremo essenziali. La trombettista Jamie Branch, nuova stella dell’Avant Jazz Chicagoano e il chitarrista Anthony Pirog (Janel & Anthony, the Mezzthetics).
Pubblicato dall’appassionata e benemerita Relative Pitch, “An Unruly Manifesto” è un lavoro dedicato a Charlie Haden, Ornette Coleman e il surrealismo. La musica si muove ora energica e scattante, ora calma e riflessiva e ogni brano è perfettamente connotato da un bel tema composto da Lewis da cui sprigionano improvvisazioni e assoli da parte di tutti i membri del gruppo. Non si tratta di un sassofonista piegato ai voleri del mainstream e dell’accademia jazz, ma di un musicista che segue un proprio percorso suonando con toni grezzi, ma misurati. Un album necessario che Lewis descrive come “un richiamo all’azione” e che sembra sia destinato a raccogliere grandi consensi.
Bruce Lee Gallanter dello storico Downtown Music Gallery di New York lo ha presentato come uno dei dischi più belli tra quelli ascoltati recentemente.


Please follow and like us:
Follow by Email
Facebook