GEIR SUNDSTOL – ‘St. Hanshaugen Steel’ cover albumIl mago delle corde, Geir Sundstøl, è tornato con il suo quarto album solista, “St.Hanshaugen Steel”. Il titolo è un omaggio alla fabbrica siderurgica ormai dismessa situata sul suo stesso terreno, e anche un riferimento al rispettabile trattamento ad ampio spettro di Sundstøl della chitarra pedal steel.

Come primo assaggio il brano di apertura “Våg” è uscito il 20 agosto come singolo. Presenta Arve Henriksen che lascia il suo segno personale, una voce unica, ma nuova per questo particolare universo.

‘Avevo ammirato per anni l’espressione lirica di Arve, e finalmente ho raccolto la fiducia necessaria per chiedergli di partecipare’. Inizialmente, al trombettista è stato chiesto di suonare sull’outro di “Våg”, ma ‘si è lasciato trasportare e ha aggiunto 10 tracce di tromba e corno. Abbiamo registrato “Våg”, pensando che pedal steel a metà velocità, contrabbasso e Simmons Drums anni ’80 sarebbero stati il nucleo della canzone. È venuto fuori un po’ di più. ” spiega Geir Sundstøl.

“St.Hanshaugen Steel” offre un trampolino di lancio per un’avventura da sogno attraverso paesaggi sonori di strumenti ‘insoliti’, apparizioni angeliche di ospiti, attrazioni da luna park e fantascienza anni ’60. Ci porta più in profondità nelle trame sonore con ogni riproduzione incrementale.

Il suono di Sundstøl è cinematografico, ma senza genere, sperimentale e allo stesso tempo piacevolmente aperto a qualsiasi ascoltatore. La sottigliezza organica è ora mescolata con una nuova tavolozza di vernice sintetica.

Desta scalpore il numero impressionante di strumenti e strumentisti chiamati a partecipare a questa opera: un coro di bambini (Sølvguttene) e Arve Henriksen si uniscono allo Yamaha CS-20, Optigon, Logan String Melody e ai compagni abituali David Wallumrød (Minimoog / Prophet 5 / Arp Pro Soloist / Hohner Clavinet / Juno 6), Mats Eilertsen (basso acustico/organo), Jo Berger Myhre (basso) e Erland Dahlen (batteria / campanelli Schulmerich / citofono / insetti elettrici…), in tutto, se non ho sbagliato i conteggi, mi risultano una cinquantina!

L’atmosfera che si respira è quella che si muove tra un folk stonato e un rock molto rilassato che però permette al disco di risultare unitario.

“St Hanshaugen Steel” è un omaggio all’omonima fabbrica. Fondata dai fratelli Jebsen, l’acciaieria è stata in funzione dal 1890 al 1969 ed era situata a St Hanshaugen, un quartiere popolare vicino al centro di Oslo; ora una vasta area residenziale e il terreno calpestato da Sundstøl. Il titolo potrebbe anche essere un riferimento all’uso caratteristico di Sundstøls della ‘pedal steel guitar’.

Sebbene il suono di questo interessante lavoro condivida punti di continuità con le precedenti pubblicazioni Hubro, “Furulund” (2015), “Langen Ro” (2017) e “Brødløs” (2018), ci sono alcune importanti deviazioni. Una nuova tavolozza sonora è il risultato dell’abitudine del suo strumento che si estende a sintetizzatori, drum machine e altri gadget, che, pur datando fine anni sessanta, suonano ancora moderni. Ore di esplorazione e studi di questa ‘modernità’ traspaiono da questa musica altrimenti organica, così come la modifica analogica di suoni familiari. Inizialmente, è nato come un progetto tecnico. Si voleva esplorare le possibilità di registrare pedal steel su nastro analogico, alla massima velocità (30 IPS), e poi riprodurlo alla velocità più bassa (15 IPS), esattamente un’ottava più in basso. È ancora possibile ascoltare questo esperimento sull’album (nelle tracce “Smet” e “Våg”). “Lyssky” trae ispirazione dalla spettrale fantascienza britannica così come dai grandi compositori che indossano una parrucca bianca. Wallumrød ci porta in un viaggio tremante con il suo Arp synth. “Ka” è indiano Shankar e National guitar-Blues. Campane a mano, sintetizzatori analogici e il coro di ragazzi tradizionali più amato della Norvegia, Sølvguttene. Il pensiero del loro canto nella mia stanza d’ascolto mi riempie ancora di stupore. “Hoven” ha un organo etereo, un basso da chiesa cristiana su un contorto ritmo indù. Geir suona la solita chitarra National e pedal steel, e per finire, ha aggiunto il coro dei Sølvguttene un’altra volta. Una canzone ‘multi-culturale, se mai ce ne sia stata una, con un tocco spirituale.

Come il suo primo e terzo album (il secondo è stato registrato a Jakobkirken) l’autore norvegese ha registrato “St. Hanshaugen” a casa nel suo Studio Intim. Il tecnico Bård Ingebrigtsen era presente e il disco è stato masterizzato da Helge Sten. Un’opera di una piacevolezza senza pari!!!