DAVID BOWIE – ‘The Width Of A Circle’ cover album“The Width of a Circle” è l’ultimo sforzo per riempire gli spazi vuoti nella già voluminosa discografia di David Bowie. È una campagna che la proprietà del compianto artista ha intrapreso con fervore maniacale. Da quando Bowie è morto nel 2016, Parlophone ha pubblicato sette cofanetti, nove album dal vivo e un’infarinatura di altri effimeri musicali, il tutto pieno zeppo di rarità e materiale inedito. I fan occasionali si astengano.

Pubblicato come compagno della recente ristampa di “The Man Who Sold the World”, questo set di due dischi mira a dare corpo alla storia tra quell’album e l’LP omonimo di Bowie del 1969. La maggior parte del materiale su “The Width of a Circle” viene dall’inizio del 1970. A quel tempo, David e il suo team erano un po’ disperati per capitalizzare il successo in classifica di “Space Oddity” l’anno prima e per renderlo una star in America. Quindi, una raffica di sessioni in studio per tagliare i singoli di follow-up (nessuno dei quali è stato registrato nel Regno Unito o negli Stati Uniti) e un paio di esibizioni registrate per Radio One della BBC.

Il materiale più allettante su questo set proviene da quelle sessioni radiofoniche. Il primo disco presenta la performance di David per ‘The Sunday Show’, una serie di concerti presentata dal leggendario DJ John Peel. La scaletta è un puro incapsulamento della mentalità musicale di Bowie all’epoca, un’estetica folk gocciolante ascoltata in tutto il “David Bowie” del 1969 che si stava lentamente trasformando in un rock più duro. La costruzione del set riflette questo cambiamento. Inizia con un quartetto di brani suonati dal nostro da solo, utilizzando una chitarra acustica a 12 corde. Ma, mentre lo spettacolo va avanti, entrano in scena altri musicisti, che arricchiscono materiale come lo sconclusionato “An Occasional Dream” e “London Bye, Ta-Ta”, uno swinger pop dettagliato nei testi.

Lo spettacolo prende il volo con l’aggiunta di Mick Ronson. È un’ascesa difficile in quanto, secondo la conversazione tra una canzone e l’altra di Bowie con Peel, il chitarrista si è unito al gruppo solo due giorni prima della data di registrazione del 5 febbraio. Ciò spiega le note occasionalmente imbarazzanti in “Width of a Circle” e “The Prettiest Star” e un’oscillazione generale che colpisce la band nella seconda metà dello spettacolo. A questa mancanza di grazia si aggiunge la pessima qualità del suono del disco. L’audio proviene da una registrazione su cassetta della trasmissione radiofonica dagli archivi del produttore e bassista di Bowie, Tony Visconti, completa di wow, flutter e un po’ di frequency bleed. Ma quando la band fa il suo passo, in particolare su una corsa dinamica attraverso “Cygnet Committee” e Ronson si lancia in un assolo feroce su “Janine”, si presagisce il tono acido di “The Man Who Sold the World” e l’era di Ziggy Stardust.

Il futuro artistico di Bowie si è sentito ancora più determinato un mese dopo, quando lui e la sua band sono atterrati al Playhouse Theatre di Londra per registrare quattro canzoni per il programma radiofonico ‘Sounds of the 70s’ del DJ Andy Ferris. A quel punto, Ronson si era più completamente assimilato alla mente alveare di Bowie, e di conseguenza il suo modo di suonare vola ancora più in alto. La formazione trasforma “Waiting For The Man” dei Velvet Underground in qualcosa di più impettito, e una prima interpretazione di “The Supermen” di “Hunky Dory” si sente urgente e tesa. Mick si dimena tutto come fosse posseduto da una carica demoniaca. Un’altra curiosità su “Width” sono cinque tracce tratte da una performance di “Pierrot In Turquoise”, uno spettacolo teatrale ideato dal mentore di Bowie, Linsday Kemp, e girato all’inizio del 1970 per la televisione scozzese. Perché nessuno lo dimentichi, c’è stato un breve periodo in cui David era ossessionato dal mimo e dalla danza, prendendo lezioni da (e avendo una relazione con) Kemp e incorporandolo nel suo spettacolo dal vivo. Una delle sue prime collaborazioni con Lindsay è stata “Pierrot”, una storia di amore torturato in cui Bowie cantava canzoni (per lo più dal suo omonimo debutto del 1967) e faceva un po’ di mimo. Lo spettacolo è stato in tournée in Inghilterra nel 1967 e poi adattato per la televisione pochi anni dopo.

Le canzoni della trasmissione in questo set sono abbastanza interessanti come bozze per il futuro materiale dell’artista britannico. La vivace “Threepenny Pierrot” è stata riscritta come “London Bye, Ta-Ta”, e la melodia della chitarra per la scintillante “Columbine” è diventata la spina dorsale di “Unwashed and Somewhat Slightly Dazed” dall’album del 1969. Oltre a ciò, non servono molto a uno scopo separato dagli elementi visivi di “Pierrot”, o come era noto per scopi di trasmissione, “The Looking Glass Murders”. Inoltre, la musica soffre di una scarsa qualità del suono poiché queste registrazioni provengono da una copia d’archivio della trasmissione televisiva pubblicata su DVD nel 2005.

Troppo spesso David Bowie ha attraversato una metamorfosi musicale e l’ha presentata al mondo completamente formata, costringendo i fan a correre per tenere il passo. “The Width of a Circle” offre una rara occhiata a come si stava sviluppando il suo lavoro: un’evoluzione spesso goffa che gli ascoltatori possono ora seguire in ordine cronologico. Ci si domanda, però, se tutto questo materiale possa interessare l’ascoltatore occasionale!!!