Francia, Brasile e Giamaica, con conclusione a Hollywood per i tocchi finali, raffinati esotismi e ritmi suadenti. Un debutto omonimo destinato già a far la storia. La dolce sensualità di Claude Fontaine vi conquisterà, come una cartolina dal passato. Americana ma con cognome francofono la nostra ha messo a punto questo favoloso disco in quel di Londra, dopo aver aperto i suoi orizzonti nel negozio culto di Portobello Honest Jons. Con il supporto di mostri sacri quali Tony Chin (chitarrista di estrazione reggae già al fianco di King Tubby e Dennis Brown) e del gigantesco Airto Moreira alle percussioni (davvero avete bisogno di un curriculim vitae??? Pensate a Miles Davis, Chick Corea!!!) ci regala uno dei dischi di pop trasversale più intensi dell’anno, registrato presso gli studi in cui incideva Chet Baker a Los Angeles, per i tocchi finali.
Si tratta di un lavoro in cui ogni brano sembra la scena di un film che ha a che fare con la genesi dell’opera, nel senso che ogni canzone segna un passaggio importante nella stesura dell’album. Consideriamo “Pretending is was you” sembra la storia in bianco e nero di un film d’amore degli anni novanta, tormentata, ma a lieto fine. “Hot tears” presenta la bossa nova in salsa jazz, alla Astrud Gilberto per intenderci e contemporaneamente un reggae che proviene dal profondo dell’anima, ma a cantarlo una voce impalpabile alla Jane Birkin: potrebbe essere la traccia all’inizio del film che delinea l’ambito in cui si muove il lungometraggio.
Altri pezzi in levare sono rintracciabili nei titoli “Love street”, ma soprattutto “Strings of your guitar”, se chiudiamo gli occhi immaginiamo la scena di una Londra al tramonto mentre il ritmo fa presagire situazioni in divenire ricche di sorprese.
Un lavoro che suona etereo e naif pur non essendolo affatto, anzi ricorda le registrazioni nella “Grande mela” di Joao Gilberto e bossanovisti vari, oppure Bob Marley che si relaziona con Chris Blackwell, in definitiva disco di spessore, pur essendo la materia leggera come una piuma, perfetto da ascoltarsi sorseggiando un Bourbon Sour!!!


Please follow and like us:
error