CHUCK E WEISS – ‘The Other Side Of Town’ cover albumPurtroppo lo scorso 20 luglio ci ha lasciati un altro musicista che sentivo mio come pochi altri, forse perché il suo disco d’esordio, un mini LP in verità, fu veramente un oggetto per pochi, che divenne culto a causa della sua irreperibilità.

Chuck E. Weiss faceva parte della scena del Tropicana Hotel di Los Angeles negli anni settanta, se così si può chiamare. Amico sia di Tom Waits che di Rickie Lee Jones (sì, è Chuck E. di “Chuck E.’s In Love”), Weiss non è mai riuscito a ottenere la stessa popolarità dei suoi amici a causa di una incapacità a mostrarsi professionale per lungo tempo.

Un album come “The Other Side Of Town” del 1981 dimostra che Weiss avesse talento quanto i suoi coetanei, quindi non era questo il problema. Tuttavia, il disco non è una suite coerente di canzoni come ci si aspetterebbe da Tom Waits. Chuck oscilla dal piano blues come “Luigi’s Starlight Lounge” al power pop punk come “Gina”: difficile poter destare interesse, soprattutto allora, essendo così eterogeneo.

Un’altra cosa che potrebbe aver ostacolato questo album è l’etichetta discografica, Select Records. Select si è fatto un nome qualche anno dopo con rapper come UTFO, per cui ci si può domandare che idea avessero nei confronti del nostro, tenendo presente che la label era nata lo stesso anno dell’uscita del lavoro in questione. Il nostro ha spesso affermato che in realtà fu stampato senza il suo permesso, poiché si trattava di demos.

Weiss, originario di Denver, era figlio di genitori che possedevano un negozio di dischi. In origine era un batterista che suonava con Lightnin’ Hopkins e con Muddy Waters, Willie Dixon, Howlin’ Wolf e Roger Miller, per citarne alcuni. È stato immortalato in una canzone dai suoi vecchi compagni di corsa Tom Waits e Rickie Lee Jones – giusto, quel Chuck E. – e ha avuto personaggi vagamente basati su di lui che compaiono nelle commedie di Sam Shepard; ciò che questi tre hanno in comune con Weiss è che vivevano tutti nello stesso periodo al Tropicana Motor Hotel di Los Angeles.

Mentre il resto è passato a varie forme di leggenda, Weiss ha girato per Los Angeles, parlando con chiunque ascoltasse i vecchi tempi e sbattendo contro i ripiani dei caffè e simili. È un mascalzone e ne è orgoglioso, e ha registrato altri tre album tra il 1999 e il 2007. Non c’è niente di particolarmente speciale in “The Other Side of Town” a parte il fatto che risale a un’epoca precedente più o meno allo stesso modo in cui I Red Devils e i Blasters hanno fatto con il blues e il rockabilly. Un tizio di nome Mac Rebennack (alias Dr. John) suona il piano come una caserma dei pompieri che brucia, e la Jones con la sua voce d’angelo beat canta un duetto nel brano “Sidekick”. Larry Taylor suona il basso, Alvin “Shine” Robinson geme con una chitarra piuttosto meschina e Freddie Stahle suona la batteria – Weiss canta e suona le percussioni. Sembra un demo, ma è pieno di grande arguzia, fascino e una totale disattenzione che lo fa sembrare pericoloso in un momento in cui la musica è tutt’altro. Ricorda il vecchio rock & roll, il blues e il R&B perché per Chuck non è neanche lontanamente musica revival. In realtà sta suonando quella roba perché è quello che è — era una reliquia anche allora.

Di soli 25 minuti di lunghezza, queste non sono tanto canzoni quanto vignette musicali, tutte streetwise, hip e senza compromessi nella loro intensità grondante. Se il nostro avesse registrato questi brani con un gruppo minore di musicisti, sarebbero usciti più o meno allo stesso modo – forse più pericolosi perché allora l’ascoltatore si sarebbe reso conto che non stava cercando di ottenere un contratto discografico, ma di essere ascoltato, di parlare, per farlo uscire allo scoperto.

È rumore, grazie a Dio. Che si tratti di “Saturday Night Fish Fry”, la title track, la breve storia di parole parlate sconclusionata impostata sulla musica che si chiama “Luigi’s Starlite Lounge” o il selvaggio irritabile che riesce a malapena a mantenere le sue battute all’interno dei versi del taglio bonus “Down the Road a Piece” (avrebbe potuto essere un outtake a basso costo di “Heartattack and Vine” di Waits), è tutto frastuono, scortese e un vero e proprio brutto tipo di rock & roll. Eppure c’è così tanta anima che non si può fare a meno di apprezzarlo, oggi ancora di più perché non si avrà più l’opportunità di avere qualcosa di nuovo da quel vecchio ‘delinquente’. Ho molto amato “The Other Side Of Town” e naturalmente l’ho poi riposto negli scaffali e dimenticato. Fino ad un mese fa quando lo ho ripreso in mano e fatto suonare per ricordarlo e ricordarmi di un’epoca in cui tutto sembrava migliore!!!