DIRTY PROJECTORS: “Lamp Lit Prose”

Dirty Projectors sono la creatura di David Longstreth, uno studente della Yale University che decise di abbandonare gli studi per dare vita al proprio sogno musicale, quello di essere ricordato come una delle penne più prolifiche ed uniche della scena indie-rock...

JOE PASSED: “Their Prime”

Capita spesso di leggere le note di presentazione dei dischi d’esordio di un gruppo e rimanere allibiti dai paragoni utilizzati per introdurli agli ascoltatori. Per i Jo Passed si sono scomodati i Beatles (tanto per cambiare), ma dopo che sul loro percorso si sono...

JACKIE-O-MOTHERFUCKER: “Bloom”

Lavorare in un negozio di dischi per me, malato terminale di musica, è una sensazione indescrivibile. Avere la possibilità, quotidianamente, di ascoltare dischi per più di otto ore al giorno, poter essere informato su tutto quello che esce sul mercato a tutti i...

HOT SNAKES: “Jericho Sirens”

Questo primo terzo di 2018 è già stato teatro di ritorni più o meno fortunati, occupiamoci ora dei notevoli Hot Snakes, paladini del post hardcore, per chi ama etichettare tutto. Sono passati ben dodici anni dalle loro ultime apparizioni, anche se in realtà nel 2011...

DRINKS: “Hippo Lite”

Nelle scelte dei dischi da recensire mi pongo sempre come requisito principale quello che l’album in questione abbia qualcosa di interessante da offrire. Scelgo, poi, più facilmente gruppi poco conosciuti rispetto ai nomi sulla bocca di tutti e sulle musiche da...

JOSH T. PEARSON: “The Straight Hits”

Attendevo con ansia un nuovo disco di Josh T. Pearson dopo che il precedente, uscito sette anni fa, aveva folgorato tanti ascoltatori, tra cui il sottoscritto. Josh è un musicista texano che esordì nel mondo musicale nel 1996 con i Lift To Experience coi quali...