SARAH JAROSZ: “World On The Ground”

Il Texas è, forse, lo stato che maggiormente disprezzo negli Stati Uniti, ma purtroppo, musicalmente, è terra di grandi cantautori e bluesmen per cui, a causa del mio grande amore per la musica, riesco a passarci sopra. Forse è l’aria che si respira nel ‘Lone Star...

JOHN ANDERSON: “Years”

Mi capita spesso di soffermi a cercare il nome del produttore quando osservo la copertina di un disco, spulciando tra i credits per carpire quante più notizie possibili che riguardino l’album in questione. Durante gli anni ottanta, all’incirca intorno alla metà di...

RUTHIE FOSTER: “Live At The Paramount”

Ruthie Foster è una gran cantante, in possesso di una voce veramente notevole che sta ulteriormente implementando. È in giro dal lontano 1997 e questo live è solo il secondo della sua carriera, ma conferma in toto i giudizi positivi letti su di lei, considerata una...

CALEB CAUDLE: “Better Hurry Up”

In America è sempre possibile pescare nel mare magnum del cantautorato e trovare personaggi di cui fino ad un attimo prima non si conosceva nulla. Questa volta è il turno di Caleb Caudle, cantautore di impronta rock, proveniente dal North Carolina e sicuramente non di...

CHRISTIAN LEE HUTSON: “Beginners”

“Beginners” è un album di Christian Lee Hutson, già co-autore di alcuni brani targati Boygenius e Better Oblivion Community Center. Dieci tracce in equilibrio tra folk, cantautorato, americana e soft-pop prodotte e suonate con l’aiuto degli amici Conor Oberst e Phoebe...

MICHAEL McDERMOTT: “What In The World”

‘Nessuno, dal momento in cui ascoltai Springsteen cantare “Rosalita” mi aveva più entusiasmato a tal punto. Nessuno fino a Michael McDermott mi ha reso di nuovo così fottutamente felice di avere due belle orecchie’. In questo modo si espresse Stephen King al momento...