NEIL YOUNG & STRAY GATORS: “Tuscaloosa”

Mi chiedo quanti dischi siano usciti da parte di Neil Young in questo ultimo lustro. Un numero esagerato per qualsiasi altro musicista, ma non per lui, che, tra album nuovi e materiale d’archivio, sia in studio che dal vivo, non conosce tregua né per sé né per i suoi...

SANTANA: “Africa Speaks”

Nel 1976 quando iniziò il mio meraviglioso viaggio nel mondo musicale Santana era considerato musicista importante, i primi tre album opere innovative capaci di miscelare il rock ed il blues con influenze latine, successivamente intraprese una strada maggiormente...

BRUCE SPRINGSTEEN: “Western Stars”

Ho amato quest’uomo fin dal primo momento in cui ci siamo incontrati cioè durante l’ascolto di “The river”. Non sto a dirvi che nel più breve tempo possibile andai a completare la sua discografia e, fino a “Nebraska”, era per me un sicuro approdo nella musica di...

BILL CALLAHAN: “Shepherd In A Sheepskin Vest”

Quanto mi mancava un nuovo disco di Bill Callahan, per l’esattezza sei anni da “Dream River” ultimo album di studio, non contando “Have fun with God” che del precedente era una versione dub, e il “Live at Third Man Records”, piacevole, ma prescindibile. Nella vita di...

DOUG SEEGERS: “A Story I Got To Tell”

Le storie a lieto fine non accadono solo nei film, chiedete conferma a Doug Seegers. Il buon Doug, oggi sessantasettenne, iniziò a suonare on the road a New York ed Austin, prima di trasferirsi in via definitiva nello stato di New York, dove si sposò ed ebbe due...

DERVISH: “The Great Irish Songbook”

Se non ricordo male verso la fine degli anni ottanta e l’inizio del decennio successivo la musica popolare irlandese contava di un vasto seguito anche nel nostro belpaese. Certo c’erano anche persone che credevano che Enya facesse musica celtica, ma non era...
Follow by Email
Facebook