HAYVANLAR ALEMI: “Psychedelia In Times Of Turbulence”

La band di Ankara, con questo album strumentale registrato in Italia, pone, decisamente, l’accento sulle sonorità più tenebrose e psichedeliche del proprio repertorio. Dopo le favolose esperienze discografiche con etichette culto quali Sublime Frequencies e...

MASTER OOGWAY: “Earth And Other Worlds”

I Master Oogway sono quattro giovani musicisti di età compresa tra i 23 e i 26 anni. Si sono incontrati alla Norwegian Academy of Music nel 2015 con il comune desiderio di suonare musica vibrante e improvvisata con temi forti e spazio per la spontaneità ad alto...

KANDACE SPRINGS: “The Women Who Raised Me”

Ecco il classico disco che ha attirato la mia attenzione per l’etichetta discografica, Blue Note, e per i colori della copertina dai toni in chiaroscuro. Di lei non avevo referenze, ma mi sono immediatamente documentato. Kandace Springs ha interessato l’etichetta...

THE NECKS: “Three”

Già accolto dalla critica come un vero e proprio toccasana capace di illuminare lo “strano” periodo che stiamo attraversando, arriva finalmente il nuovo album di The Necks. Il trio Australiano formato da Chris Abrahams – piano, Lloyd Swanton –...

FARWARMTH: “Momentary Glow”

A cavallo tra 00s e 10s, cosmica HD à la Roly Porter e i più classici territori power ambient della mitica triade (Tim Hecker, Ben Frost e Lawrence English), un tocco di puntillismo nell’utilizzo dei pad (Senni) e una generale attenzione per la scultura sonora, Afonso...

HAILU MERGIA: “Yene Mircha”

Il nuovo album del musicista etiope, ma da anni ormai di stanza a Washinton DC, “Yene Mircha” (“la mia scelta” in amarico, lingua ufficiale dell’Etiopia) è composto da brani originali e contributi di Asnakesh Worku e Teddy Afro. Il disco è stato registrato con l’aiuto...