CALEXICO – ‘El Mirador’ cover album“El Mirador” è il decimo album per tre decenni in esecuzione Calexico, co-fondato dal polistrumentista Joey Burns e dal batterista John Convertino. Il disco è stato registrato a Tucson dal compagno di band e tastierista di lunga data Sergio Mendoza, a lungo la casa della band anche se Convertino da allora si è trasferito a El Paso e Burns ora risiede a Boise, ID. Il deserto è sempre stato un punto focale della musica della formazione e le condizioni della pandemia hanno richiesto uno spazio relativamente isolato come quello di Mendoza per registrare per tutta l’estate del 2021. Ha anche ispirato ricordi cari dei loro paesaggi preferiti e le colorate intersezioni di musica che si trovano sul confine – musica da ballo colombiana (cumbia), folk tradizionale messicano (mariachi), country messicano (ranchera) e ballate (corridos). Inoltre, ci sono elementi sia del figlio cubano che del ceppo guatemalteco nel mix inebriante del gruppo mentre invitano il cantautore guatemalteco Gaby Moreno e il rocker spagnolo Jairo Zavala a partecipare a brani selezionati.

Si parte con la title track liberamente tradotta “The Lighthouse”, simbolica nel senso sia di cercare che di fornire un faro di luce che illumini i tempi bui della pandemia. Attraverso le percussioni filtranti, le trombe lontane e la straordinaria gamma di strumenti suonati da Burns e Mendoza e molti altri, la voce di Moreno emerge alternando versi inglesi e spagnoli con il ritornello ‘Ascolta il faro/chiamandoti indietro/Quel ronzio nel tuo corona’. “Harness the Wind” è uno dei pochi brani senza le trombe, poiché Joey prende la voce solista nella spaziosa melodia pesante di synth con Sam Beam di Iron & Wine che si unisce all’armonia. Il fiorente numero di ballo “Cumbia Peninsula” presenta Zavala (AKA Depedro nei titoli di coda) con tre trombe e un altro coro ottimista – ‘Brilla oggi come l’argento e l’oro/Illumina la strada per domani’.

La cantautrice Pieta Brown ha scritto i testi di “Then You Might See” e “El Paso”. Il primo è un hard driver alimentato dai ritmi incessanti di Convertino e dalla combinazione del contrabbasso ad arco di Burns e del basso elettrico di Mendoza. Come al solito, Joey aggiunge i suoi tocchi a strati con synth, vibrazioni e violoncello oltre alle sei corde e al basso. La poesia di Brown si distingue nettamente dalla scrittura di Burns/Convertino nei suoi brevi versi poetici nel primo, una melodia che rievoca la storia e gli dei del deserto. “El Paso” racconta le complicazioni e la violenza al limite che derivano dalle relazioni su entrambi i lati del confine, cercando allo stesso tempo l’unità.

“Cumbia Del Polvo” presenta il Mexican Institute of Sound, una corale di voci che svettano su un mix di ritmi elettronici, strumentazione organica e ritmi trascinanti e riverberanti. “The El Burro Song” ti trasporta in una festa in giardino dove troverai gli elementi tradizionali messicani a portata di mano: fiati mariachi, chitarre con corde di nylon e violini per uno stile di danza denominato zapateado, una forma di tip tap. “Turquoise” potrebbe essere uno dei migliori strumentali che Calexico abbia mai suonato. È relativamente modesto rispetto a molti altri, con la chitarra, il pianoforte, il violoncello e le vibrazioni di Burns accompagnati da batteria, contrabbasso e la tromba di Jacob Valenzuela per creare un paesaggio sonoro oscuro etereo che evoca il tipo di cieli oscuri e tempestosi che la band ha sopportato durante la stagione dei monsoni da record la scorsa estate. “Constellation”, d’altra parte, è l’esatto opposto: brillante e il più romantico di tutti i pezzi qui, con meravigliose armonie vocali come Moreno e Valenzuela, che offre anche un impressionante assolo di tromba, dietro l’esempio di Joey contro l’etereo paesaggio sonoro forgiato dal pedale acciaio, sintetizzatori e chitarre.

“Rancho Azul” è una melodia ballabile carica di latino, mentre la conclusiva “Caldera”, che significa ‘un cratere vulcanico’, è una metafora della perdita e una richiesta di resilienza suonata con l’atmosfera più simile al deserto con tocchi di psichedelia.

Tuttavia, Joey Burns spiega la raccolta in questo modo: ‘La pandemia ha messo in evidenza tutti i modi in cui abbiamo bisogno l’uno dell’altro e la musica è il mio modo di costruire ponti e incoraggiare l’inclusione e la positività. Arriva con la tristezza e la malinconia, ma la musica accende il cambiamento e il movimento’. Nella nostra società sempre più divisa, abbiamo bisogno di queste voci che chiedono l’unità e celebrano le connessioni tra le persone. Come suggerisce il titolo, abbiamo bisogno di quei fari di speranza!!!