BRENT COBB: “Keep ’Em On They Toes” cover albumMelodie familiari e saggezza popolare popolano “Keep ‘Em On They Toes” di Brent Cobb. Prodotto da Brad Cook e disponibile dalla ‘Ol Buddy Records’ di Cobb tramite Thirty Tigers.

Se stai cercando un opportuno ritiro uditivo dalla follia assoluta che è il 2020, allora Brent Cobb ne ha appena rilasciato uno dal proprio grembo, esattamente al momento giusto. Come fare un giro lento attraverso la campagna, o sedersi sulla veranda sul retro una domenica pomeriggio con una tazza di tè, dai a Brent Cobb circa 45 minuti del tuo tempo e ti farà sentire bene. Non che Cobb avesse bisogno di essere reinventato per entrare nel suo prossimo album, ma quando ha annunciato che avrebbe fatto un tour acustico all’inizio del 2020 invece di uno con la band al completo, questo è stato il primo segnale che il nativo della Georgia avrebbe ricalibrato priorità e approccio. Dove i momenti del suo ultimo disco lo ponevano come il ‘Padrino’ del country-soul dei giorni nostri, il suo nuovo disco è fluido e facile, più silenzioso, più essenziale e riflessivo come il primo morso dell’autunno in prima serata.

Puoi cavillare quale raccolta di canzoni sia la sua migliore. Ma c’è poco dibattito “Keep ‘Em On The Toes” è il più coeso album del georgiano. Impegnarsi con il chiaro scopo di esprimere le semplici ed eterne filosofie country, cioè di seguire il proprio cuore, rispettare tutti, occuparsi dei propri affari e godersi i piaceri semplici che la vita offre, è un album con un messaggio forte e risoluto, giusto consegnato nel modo più semplice e rilassato possibile.

Una canzone dopo l’altra, il nostro usa dolci melodie e ritmi lenti per ricordarci di non sudare per le piccole cose, vivere la vita e lasciare che gli altri vivano la loro, sia che sia diretto come nel duetto con Nikki Lane chiamato “Soap Box” sull’evitare le divisioni su ogni argomento, oppure “Dust Under My Rug” sull’essere lasciato solo, o le sottigliezze e le verità della vita personale di Cobb che si trovano in “Sometimes I’m a clown”. Il cantautore ha deciso che la vita è troppo breve per ficcare il naso nello scandalo o cercare di diventare una superstar. Vuole essere prima di tutto un padre e un marito e godersi il viaggio.

Brent stabilisce una filosofia di base del tipo ‘cammina al tuo ritmo’, e da li la chitarra acustica e l’organo espressivo forniscono un luogo per il flusso del messaggio. Un atteggiamento simile popola “Shut Up and Sing”, mentre il basso fornisce un back beat simile a Waylon, mentre Brent contempla di riversare le sue critiche sociali nella canzone. Un assolo di violino rispecchia la rabbia per il membro del pubblico che tace e canta o il vigore con cui Cobb desidera che la sua gentilezza del sud gli permetta di sputare la sua rabbia. “When You Go” rallenta il ritmo generale dell’album con una melodia blues oscura che dichiara: ‘affondiamo tutti se la nave affonda, ma sai che non ce la fai quando te ne vai’. “Keep ‘Em On The Toes” si chiude con “Little Stuff” e Cobb offre, alla fine, un po’ di saggezza casalinga, ‘tieniti accesa leggera, una presa salda, su tutte le brave persone che ami, lascia andare la pioggia, insegui l’arcobaleno, c’è molta verità in tutte quelle piccole cose’.

Cobb sta praticando ciò che predica con l’approccio di questo album. Invece di usare il cugino Dave Cobb, il suo produttore ‘hot shot’, questa volta si è rivolto a Brad Cook. Invece di pubblicare l’album su una major, la Elektra, ha scelto di servirsi della propria etichetta, la ‘Ol ‘Buddy Records’, distribuita da Thirty Tigers. Questa filosofia del ‘mantenerlo semplice’ è intrisa in ogni nota di questo accattivante lavoro. Ciò non significa che non sia ancora aperto a risultati ambiziosi. Ma come Don Williams, farà le sue cose e metterà le priorità come la famiglia al primo posto. Se riesce a trovare il successo in questo modo, sarà fantastico altrimenti si accontenterà di aver fatto quello che il cuore gli suggeriva di fare!!!