BRECKER BROTHERS- “Live And Unreleased”Il jazz, nella seconda metà degli anni settanta e per buona parte del decennio successivo, non se la passava gran che bene. Etichette storiche avevano cessato di esistere, l’interesse del pubblico era vicino allo zero. La situazione era sicuramente grave, ma in quell’ambito musica interessante se ne ascoltava ancora, solo che puristi e critici ne parlavano male a prescindere.
Ci fu chi di tali personaggi se ne fregò bellamente, così come non erano sintonizzati sul lato della sperimentazione. Fra i tanti i Brecker Brothers furono un gruppo che, nel periodo preso in esame, divenne un esempio di come agire per scalare le classiche, guadagnare Grammy e essere popolari nei confronti di una larga fetta di pubblico.
L’idea vincente fu quella di travalicare i confini di genere, per cui accanto al jazz si sedevano dosi massicce di funk per un risultato che rinverdiva i fasti del bop, perché, comunque, il risultato era accattivante e di grana fine. I fans li amavano per la vena melodica, la ritmica possente, gli assolo lucidi e creativi e capaci di scaldare il cuore e per le sonorità che non disdegnavano di farsi dance.
Il disco in questione li fotografa nel pieno della forma, documentando un set tenutosi nel luglio del 1980 presso il celebre Onkel Po’s Carnagie Hall di Amburgo.
I nostri sono accompagnati da Mark Gray alle tastiere, Barry Finnerty alla chitarra, Neil Jason al basso e voce e Richie Morales alla batteria, i quali suonano alla grande, potenti e senza risparmiarsi. “Funky sea funky dew”, in una versione passionale di una ventina di minuti, mette in mostra le qualità di strumentista (sax) di Micheal Brecker attraverso fraseggi rapidi ed incisivi e una grande fantasia. Eccellenti le atmosfere stravaganti di “Tee’d off”, “Inside out” e “Sponge”. Divertente il finale di “Don’t get funny with my money”, brano cantato, che può ricordare il sapore di certe composizioni di Frank Zappa
In definitiva un recupero che manderà in estasi i seguaci della band, ma anche chi ascolta senza pregiudizi!!!


Please follow and like us: