BRANKO MATAJA – ‘Cover Fields And Mountains’ cover albumUna raccolta meravigliosamente inquietante e lamentosa di ‘canzoni tradizionali e popolari della Jugoslavia’, “Over Fields and Mountains” si erge come un’eco rifratta di una vita immaginata come potrebbe essere stata in un vecchio paese di tanto tempo fa. Con canzoni che si estendono nel tempo e nello spazio, cattura un affascinante viaggio musicale e personale di un uomo sfollato dalla sua nativa Dalmazia (ora Croazia) durante la seconda guerra mondiale, che alla fine si stabilì a Los Angeles a metà degli anni ’60, attraversando, in successione, un campo di lavoro Tedesco, Yorkshire occidentale e Canada.

Nato nel 1923 nella città costiera di Bekar, Branko e la sua famiglia arrivarono a North Hollywood nel 1964. Abbandonando la sua precedente professione di barbiere, iniziò a concentrarsi sulla riparazione di chitarre e imparò a mettere a posto vari strumenti correlati e attrezzature da studio. Il suo laboratorio di casa, completamente arredato, è stato nel garage al 5811 Satsuma, che gli permise di realizzare e costruire chitarre a mano e registrare i suoi due album.

L’approccio totalmente fai-da-te di Branko ricorda quello di Les Paul, o sperimentatori casalinghi come Danny Gugliemi. Il suo obiettivo, a quanto pare, era tanto quello di tirare fuori nuovi suoni quanto lo era sulle canzoni stesse. Non è chiaro quanto delle tecniche di Branko derivi dalla ricerca sui suoi colleghi, ma sembra probabile che la maggior parte dei suoi trucchi siano stati sviluppati nell’isolamento del garage. Ha utilizzato pickup scorrevoli per cambiare il tenore delle registrazioni e un altoparlante Leslie rotante per creare effetti di delay e i suoi esperimenti con il nastro, che assomigliano a varie tecniche di delay successivamente padroneggiate da Robert Fripp e Brian Eno, devono essere state, come quasi tutte le abilità che il nostro abbia mai acquisito – autodidatte.

Branko aveva ‘una collezione incredibilmente ampia di vinili’, secondo suo figlio Bata, ma ‘non l’ho mai visto ascoltarne nessuno”. Il figlio non è chiaro se le canzoni tradizionali provenissero da dischi o dalla memoria. Le canzoni che Mataja ha selezionato per registrare nel suo debutto rappresentano una sorta di epico mixtape di desiderio e sentimentalismo. Musica tradizionale suonata su strumenti tradizionali: flauti, liuti, cornamuse e salteri. A parte la musica di Branko, la chitarraelettrificata non ha assolutamente posto nella musica tradizionale jugoslava. Suonava la stessa manciata di canzoni con la chitarra ‘ancora e ancora e ancora e ancora e ancora, per ore e ore’, ha detto Bata. ‘L’unica cosa che gli avrebbe impedito di lavorare alle chitarre o di suonare la sua musica era la Coppa del Mondo’.

La data esatta di uscita non è chiara, ma “Traditional and Folk Songs of Jugoslavia” è apparso intorno al 1973. L’album è uscito su un’etichetta locale a noleggio, Essar Records, gestita da Steffano Riggio, un immigrato italiano a cui Branko piaceva in parte perché parlavano la stessa lingua insieme. Il disco è stato riprodotto su alcune stazioni radio serbe locali, ma ha ottenuto pochissimi riconoscimenti oltre a questo, e “Folk Songs of Serbja”, il suo secondo album, è seguito forse 10-15 anni dopo, probabilmente a metà degli anni ’80. Non aveva un rilascio formale; distribuì copie qua e là ai visitatori.

Una parte importante della storia di questa compilation magica e scintillante è l’eventuale dissotterramento nel 2005 del debutto. Nel 1924 John Filcich nacque a Fiume, in Italia, ora Rijeka in Croazia. Come Branko Mataja, Filcich è venuto in America da giovane. Nel 1949 John, ballerino folk da una vita e amante della cultura musicale popolare, fondò Festival Records, un negozio e distributore dedicato alla diffusione della musica internazionale. Il primo negozio è stato aperto a Oakland; Filcich ne prese un secondo a San Francisco nel 1958, si trasferì a Los Angeles e iniziò il suo terzo nel 1964.

Ad un certo punto lungo la strada, un dipendente del Festival iniziò a portare a casa i dischi dal negozio di Los Angeles, ogni tanto, abbastanza lentamente da evitare di essere notato. Nel corso di due o tre decenni, questo dipendente ha accumulato una delle più grandi raccolte di musica internazionale sulla costa occidentale. Intorno al 2005, quella raccolta, incluso il disco di Branko Mataja, è arrivata alla Counterpoint Records & Books a East Hollywood. Nello stesso anno, un musicista di Los Angeles di nome David Jerkovich stava esplorando le sue radici musicali come figlio di immigrati croati che si stabilirono, così molti altri, nella sonnolenta comunità di San Pedro, nel sud della California, vicino alla principale città portuale di Long Beach. La musica popolare jugoslava ottimista e sdolcinata, come definita dall’etichetta ufficiale statale Jugoton, era molto lontana dalla musica popolare della nazione. In gran parte ignorato da Jugoton, era di natura più cupa, malinconica e spesso più strana. Un giorno Jerkovich acquistò una mezza dozzina di titoli privati ​​(praticamente qualsiasi disco jugoslavo non su Jugoton può essere considerato privato) per 7 $ ciascuno dal retrobottega della Counterpoint Records & Books. Uno di quei dischi si chiamava “Traditional and Folk Songs of Jugoslavia”, il cui autore era Branko Mataja.

Fin dalle prime note, la magia della raccolta era inconfondibile. Era, si rese subito conto Jerkovich, il gioiello della corona ‘emotivamente saturo’ della sua ricerca: l’LP che aveva sempre cercato senza saperlo. L’ha suonata per il suo compagno di stanza, Douglas Mcgowan, futuro consulente A&R presso Numero Group, che alla fine avrebbe dato il via libera alla ristampa dei dischi e alla simpatica rimasterizzazione dello stesso Jerkovich. Branko Mataja non è mai tornato in Jugoslavia e alla fine è morto per un attacco di cuore al St Joseph’s Hospital di Burbank nel 2000. ‘Non si è mai guardato indietro’, ha detto suo figlio Bata, eppure “Traditional and Folk Songs of Jugoslavia” è una celebrazione sublime, spettrale, profondamente cinematografica e sentimentale di una terra e di una musica abbandonate da tempo da un uomo che è finito molto, molto lontano da casa!!!