I Black Stone Cherry presentano un secondo tributo ai loro eroi blues nell’album “Black To Blues Volume 2”. Il primo volume della serie “Black To Blues” è stato pubblicato nel 2017 e ha raggiunto il primo posto della classifica Billboard Blues Chart, ottenendo grandi elogi sia da parte della stampa specializzata che dei fan.
Parlando del successo del primo album il chitarrista e cantante della formazione, Chris Robertson, ha dichiarato: «Non avremmo mai potuto immaginare questa reazione. È stato fantastico avere un riscontro così positivo alla nostra interpretazione di alcune delle nostre maggiori influenze musicali. Non vediamo l’ora che tutti ascoltino e provino quanto ci siamo divertiti a registrare questo progetto».
Prodotto dalla band ai Monocle Studios di Sulphur Well, Kentucky, l’EP prende il via con Robertson che introduce Yates McKendree all’organo mentre si lanciano in “Big Legged Woman” di Freddie King, traccia selvaggia e rauca che ha l’inconfondibile groove dei Black Stone Cherry. Lo stesso vale per la loro interpretazione di “Down In The Bottom” di Howlin Wolf.
Parlando di King e Wolf il chitarrista Ben Wells dice: «Questi sono due dei nostri artisti preferiti in assoluto. Ci identifichiamo con loro perché avevano groove e riff che useremmo ancora oggi nei nostri brani. Muddy Waters, Freddie King e Howlin’ Wolf sono gli artisti che ascoltavamo crescendo e ascoltiamo ancora oggi. La loro musica è il DNA della nostra band».
Ancora una volta, i nostri imprimono la propria inconfondibile personalità su questi classici del blues. L’eredità del blues è stata tramandata di generazione in generazione e i Black Stone Cherry portano avanti questa eredità gettando nuova luce su queste gemme musicali!!!


Please follow and like us:
error