AMARO FREITAS – ‘Sankofa’ cover albumBella storia quella che vede protagonista il brasiliano Amaro Freitas. Il nostro nutre una passione smodata per il jazz, la famiglia non naviga nell’oro, ma Amaro convince i genitori ad iscriverlo al conservatorio per studiare pianoforte. Purtroppo le spese sono eccessive e la famiglia si vede costretta a ritirare il figlio dagli studi proprio quando il sogno era ormai a portata di mano.

Ora Freitas è arrivato a pubblicare il terzo album solista e quindi non vi resta che indossare le cuffie e rendervi conto a che punto è arrivato l’ex ragazzino. C’è sempre un’eccitazione palpitante quando si nota un approccio a sinistra al ‘trio per pianoforte’. Siamo al cospetto di un uomo che è completamente e, forse, anche spiritualmente assorbito nel suo strumento e nella sua produzione musicale. Seduto in uno Steinway, Freitas taglia una figura enigmatica, il suo sguardo spesso concentrato contrastato da un’esplorazione agile ed espansiva della tastiera, con una costrizione strutturale, ritmica e percussiva che è almeno altrettanto importante della melodia.

Ispirato da Capiba, Moacir Santos, Hermeto Pascoal e Gismonti, così come Thelonious Monk, Keith Jarrett e Chick Corea, il suo debutto nel 2016 “Sangue Negro” ha ottenuto il plauso della critica, seguito da “Rasif” del 2018. Questa musica originale attinge alla vibrante cultura della danza / carnevale della patria di Amaro: frevo, baião, maracatu, ciranda, maxixe; e mentre può essere ordinatamente classificato come ‘latino’, il mesmerico jazz moderno prodotto con il contrabbassista Jean Elton e il batterista/percussionista Hugo Medeiros suggerisce una miriade di influenze.

“Sankofa” è un mistico Adinkra simbolo di un uccello rivolto all’indietro con cui Freitas si identifica, spiegando che ‘ci insegna la possibilità di tornare alle nostre radici, al fine di realizzare il nostro potenziale per andare avanti’.

Le otto tracce dell’album rivelano presto la distinzione pianistica di Freitas. Lavora lo strumento come un terzo democratico in tutto e per tutto, piuttosto che solista supportato da una sezione ritmica; e motivi e ritmi ripetitivi non solo riecheggiano la sua eredità brasiliana, ma suggeriscono anche un no al minimalismo classico. Il tranquillizzante ritocco della title track di apertura avrebbe potuto facilmente ispirarsi al lato più riflessivo del catalogo di E.S.T. (a volte, il confronto è sorprendente) fino a quando il trio non irrompe in uno slancio che mette in mostra la personalità del leader. In particolare, si appoggia alla cerebrazione ad alto accordo rotto – immaginabile come una meditazione personale – mentre la sua mano sinistra è strettamente allineata alle frasi di basso di Jean Elton. In “Ayeye”, dominato da motivi di pianoforte più di fascia alta, la presenza mercuriale di Medieros al kit offre un groove funk-soul intricato che ricorda Jamiroquai, esaltato dal rasp splendidamente vocale del contrabbasso. Ma la sensibilità jazz di Amaro lo riempie anche di ardenti assoli, fragorosi glissandi e ammassi calpestanti (la connessione Monk è proprio lì).

“Baquaqua” – presumibilmente riferendosi alla Mahommah Gardo Baquaqua di origine africana, schiavizzata in Brasile a metà del XIX secolo ma che alla fine ha trovato la libertà a New York – ha un’urgenza schiantante, il pianista sembra segnare il tempo con il suo motivo tonico e dominante ripetuto. Ancora una volta, integrato nello spazio di questo pezzo è l’impressionante lavoro con la sinistra in collaborazione con il bassista Elton.

Un’opera di fascino straordinario e di grande valenza culturale. Come afferma Amaro Freitas, a proposito del suo trio: ‘Facciamo tesoro del processo creativo. Sappiamo che ci vuole tempo per raggiungere un posto diverso, e poi ci vuole tempo per capire quel luogo, per tradurlo. Smettiamola di nuotare in superficie, tuffiamoci’!!!