ALASDAIR ROBERTS OG VULVUR – ‘The Old Fabled River’ cover albumAlasdair Roberts è un formidabile solista, cantautore, interprete e chitarrista. Gli ultimi diciotto mesi hanno visto i cambiamenti necessari al modo in cui i musicisti lavorano insieme, e Roberts ha colto questa opportunità per pubblicare due album da solista molto personali. “Fretted And Indebted” è stato un meraviglioso omaggio alle sue influenze tradizionali, mentre “The Songs Of My Boyhood” lo ha visto rielaborare una selezione del suo vecchio materiale come Appendix Out.

“The Old Fabled River” è una proposta molto diversa. Per prima cosa, è stato concepito e registrato poco prima che sorgesse la necessità del distanziamento sociale. Un viaggio in Norvegia nel 2019 – suggerito dal violinista Hans Kjorstadt – ha visto Alasdair unirsi al collettivo folk sperimentale norvegese Völvur per lavorare su una selezione delle sue canzoni e del materiale tradizionale. Un anno dopo, poco prima del primo lockdown, i Völvur si sono recati nel Regno Unito, portando con sé del proprio materiale fresco. Una sessione di registrazione di due giorni ad Hackney ha portato a questo album rinfrescante, audace ed esplorativo.

Ascoltandolo ora e sapendo cosa è successo nel tempo da quando è stato registrato, si è tentati di trattarlo come una reliquia di un tempo migliore, un documento finale di un’industria musicale in cui la libertà di movimento era indiscussa. E in un certo senso è confortante. Ma questo non è un pezzo di nostalgia: le canzoni qui sono troppo sperimentali, troppo lungimiranti, per permetterlo. I quattro originali di Roberts sono pieni della sua tipica combinazione di intelligenza, ultraterreno e compassione, e tutti sembrano indicare cambiamenti nella sua vita personale. L’opener “Hymn Of Welcome” (dopo uno sbalorditivo passaggio strumentale in cui il violino di Kjorstadt lascia il posto alla chitarra fingerpickin’ di Roberts) si confronta sia con la morte che con la nascita, e in particolare con l’intangibile fiamma metafisica che passa dal morente al neonato.

“Orison Of Union” è più spensierato. È una canzone d’amore tenera e gentile con un ritornello senza parole che mostra il nostro nella sua forma più melodica. “The Tender Hour” esplora idee simili (in poche parole, il legame tra amore e morte) su un arrangiamento minimale e senza fretta, mentre “The Green Chapel” usa il misticismo celtico per formulare una sorta di filosofia della musica. Se questo suona secco e accademico, il meraviglioso giro di parole di Roberts e il canto sincero fanno in modo che sia tutt’altro. Potrebbe quasi provenire da “A Wonder Working Stone” del 2013, un capolavoro cosmologico di album.

Le restanti quattro canzoni sono tutte traditionals – due cantate in norvegese e due in inglese – ed è qui che i vari membri dei Völvur iniziano a mostrare i loro lati sperimentali e virtuosistici. Marthe Lea, il cui sassofono e clarinetto forniscono una base terrena a gran parte del disco, assume la voce in “Nu Rinner Solen Opp” e “Nu Solen Går Ned”, due tracce collegate sul sorgere e il tramonto del sole. Il primo è un pezzo lungo e brillantemente dettagliato, trafitto da pizzicate e strilli grezzi, che poggia su archi ronzanti e fruscii di percussioni jazz. Il secondo ha un accompagnamento più minimale, un accenno di chitarra seguito da una sezione strumentale impressionista in cui il sassofono è al centro della scena. Una calma selvaggia caratterizza il canto di Lea su entrambi i pezzi. Roberts canta entrambe le canzoni tradizionali in lingua inglese. La voce di Roberts è accompagnata solo dalle armonie di Lea e Fredrik Rasten. È una di quelle canzoni che all’inizio sembrano semplici ma che rivelano la propria complessità su ascolti ripetuti finché, alla fine, ti accorgi di una rete di voci brillantemente intrecciata. L’intero album, infatti, svela i suoi segreti in questo modo, lentamente, ma apertamente: è pieno di sottili specchi, del dualismo e della continuità della vita, delle coppie e degli opposti.

Questo lo rende un risultato letterario soddisfacente, ma è anche umano e selvaggio e vividamente dettagliato come ci si aspetta da qualsiasi cosa in cui Alasdair Roberts sia coinvolto!!!