ACID MOTHERS GURU GURU – ‘Tokugoya’ cover albumDue nomi da evocare si sono scontrati dal vivo a Tokyo il 14 marzo 2019, con i tentacolari maestri psichedelici Acid Mothers Temple che si sono riuniti ancora una volta, un intero decennio dopo l’uscita dell’album live “Underdogg Express” nel 2009, con il fondatore della leggendaria band Krautrock Guru Guru. Ne seguì ‘un’ardente collaborazione psichedelica registrata nello spirito del primo Guru Guru’.

Edito ordinatamente in quattro tracce – due per lato del vinile – è stato pubblicato su LP in edizione limitata per il “Disquaire Day” francese di giugno 2021 (Giornata del negozio di dischi in Francia 2021).

Negli ultimi anni, sono arrivato a disprezzare il giorno ‘RSD’, un negozio di dischi è per la vita, non solo per quella data particolare, e l’intera cosa puzza di sfruttamento, dai prezzi al dettaglio fissati come un livello che significa che i negozi stessi non guadagneranno quasi nulla da qualsiasi vendita, molti fan vengono scontati – ammesso che non siano geograficamente avvantaggiati – e poi vengono fregati ancora una volta quando coloro che hanno avuto sia il vantaggio del denaro che della posizione rivenderanno a prezzi ancora più esorbitanti. Sì, si potrebbe discutere del libero mercato, dell’offerta e della domanda e di come gli acquirenti scelgono di pagare quei prezzi – e io personalmente scelgo di non farlo – ma alla fine, molto del divertimento è andato fuori dai primi anni.

Non aiuta il fatto che RSD sia stata sommersa dalle ristampe delle major, il che significa che i completisti e i collezionisti hardcore di alcuni artisti molto popolari si stanno arrampicando per comprare nuove edizioni di vecchi dischi, e a nessuno di loro frega davvero un ‘cazzo’ di negozi indipendenti, etichette, o artisti.

In questo contesto, questa versione è benvenuta perché si distacca da ristampe di vecchio materiale, si tratta di registrazione inedita. È anche buona, e trova i collaboratori che virano da un free-jazz selvaggiamente caotico e discordante ad un’atmosfera tenue e atmosferica, con i quindici minuti di “Electric Junk” che abbraccia entrambi, e oltre, esplodendo come fa in un bruciante proggy / post -rock in crescendo negli ultimi due minuti.

“The Next Time You See the Dalai Llama” è costruito attorno a un motivo ciclico che volteggia come un caleidoscopio su una ricezione pulsante di batteria e basso che si bloccano in un groove implacabile per i primi quattro di nove minuti. La title track si chiude con un mash-up di rock classico e selvaggio desertico psichedelico, con un po’ di impetuoso ed irrefrenabile lavoro di chitarra che impazzisce per un groove di basso insistente e monotono e percussioni martellanti che affondano il colpo e si schiantano incessantemente, e diventa persino piuttosto spavaldo e oscilla in un allenamento jazz ambulante completo nella seconda metà.

“Tokugoya” non porta nessuna vera sorpresa, ed è, davvero, esattamente quello che ti aspetteresti – ma poi non delude… anche se la sua disponibilità limitata potrebbe (ma c’è ancora una versione su CD)!!!